Questo sito contribuisce alla audience di

My-Tv: gran fenomeno mediatico!

Anche se si trova nel web non è un portale; è una tv ma non prevede un telecomando per fare zapping. Ha un palinsesto ma senza fasce orarie. Il suo personaggio principale? Un pollo.

E’ bastato il rifacimento di una canzone, proposta in un video a cartoni animati, per aprire le porte del successo a questo innovativo esperimento multimediale. Ma il segreto principale di tanta esplosione di notorietà sta proprio nel fatto di essere un prodotto diverso da tutti gli altri, non catalogabile con facilità ma forse, proprio per questo, immediatamente identificabile tra milioni di proposte. My-tv è la prima televisione nata e cresciuta apposta per il web e grazie al web. La canzone che gli ha meritato moltissime pagine di giornali e le luci della ribalta è “Tu vuò fà o talebano”, nata sulla falsariga di uno dei brani più noti di Renato Carosone; oltre ad essersi trasformata nel messaggio più sfruttato nelle e-mail e negli sms delle scorse festività natalizie, è stata canticchiata ovunque, persino in Parlamento.

A eseguire il motivetto è appunto un pollo: Gino Pollazzone, il galletto disegnato, che è divenuto il simbolo per eccellenza di My-tv. Dietro Gino, però, ci sono persone in carne ed ossa, più o meno famose, che lavorano alla costruzione di questo sito-tv. Ad esempio Lucio Dalla che ha aderito al progetto come direttore artistico e ha lanciato un concorso per musicisti in Mp3, Alessandro Bergonzoni che produce dei giochi di parole, in sintonia con il suo stile, con i video “Tra il dire e il fare…”, Fandango la casa di produzione di Domenico Procacci che ha messo su il “my-tv Web Movies”, rassegna di cortometraggi da guardare nel web. Persino Mike Buongiorno, contariamente a qualsiasi predizione, ha prestato il volto e la voce a un quiz su se stesso.

Questo gran fenomeno mediatico è stato partorito dall’intuizione di un creativo, Salvo Mizzi, suo 39enne presidente oltre che fondatore.

Catanese di nascita, ma milanese d’adozione, Mizzi era direttore creativo di una delle maggiori Agenzie di Pubblicità internazionali, la Young&Rubicam, quando ha messo su tutto questo:“My-tv, che ha debuttato in rete nel novembre 2000 - afferma soddisfatto - ha avuto un primo anno positivo: 4 miliardi di fatturato, 600.000 visitatori al mese, 500.000 utenti unici; con la trasmissione, nel solo mese di ottobre, di 650.000 filmati”.

Nel dicembre 2001, su My-tv sono stati cliccati sei milioni e 800 mila video (tra questi solo quello di Gino/Carosone ha ricevuto due milioni di clic).

My-tv produce informazione sull’attualità e sullo spettacolo, eventi speciali, performance varie e programmi di intrattenimento, come tutte le altre televisioni, ma con in più una continua possibilità di interazione e interattività. Il Tg quotidiano di Gino Pollazzone è diventato un format esportato dal web alla tv generalista (primo caso anche questo), anche se si tratta di una tv locale, Antenna3, con lo scopo di creare un vero e proprio brand multipiattaforma.