Questo sito contribuisce alla audience di

Fasola e lo scooter Honda Silver Wing 600

Dell’orchestra Honda il Silver Wing 600 è lo strumento solista, il protagonista del concerto.

Dal sito Fasola.com

“È inutile forzare la mano alle tendenze. Siamo arrivati ai maxi-scooter, e dei maxi scooter si dice che si avvicinano terribilmente alle motociclette in quanto a caratteristiche… motociclistiche. Non sono pienamente d’accordo, lo dico subito, ma tant’è. Maxi-scooter sia. Dell’orchestra Honda il Silver Wing 600 è lo strumento solista, il protagonista del concerto. È tecnologico, con il suo motore a due cilindri, a doppio albero a camme in testa, con la frenata combinata (utile nelle emergenze e per chi non è proprio un professionista della staccata) con le sue ruote sempre più alte e con le sospensioni che, dicono, non avrebbero niente da invidiare, per funzionamento, a quelle di una moto “vera”.

Ripeto, non è proprio così, ma devo ammettere che ci si sta avvicinando molto ed i risultati sono fonte di indubbia soddisfazione. Anche quando si parla di telaio e si dice che è rigido, reattivo sul comportamento e sull’assetto del maxi-scooter, e quindi efficace, si è nel vero. Sulle linee del maxi-scooter c’è un vero e proprio forum aperto ventiquattrore su ventiquattro. C’è chi dice che è design purissimo, chi sostiene che il disegno dei moderni scooter viene dalla NASA, e chi afferma… che non ci siamo proprio.

Io non so esattamente cosa pensare. Che c’è un grosso studio di forme, di aerodinamica, e quindi di linee, è evidente, ed il silver Wing ne è una conferma. Io, però, preferisco pensare che la cura che i progettisti Honda hano saputo applicare alla loro nuova creatura sia principalmente asservita all’esigenza di modellare le linee sugli imperativi funzionali del nuovo scooter…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link successivo. Ciao, Luigi