Questo sito contribuisce alla audience di

L'ultimo libro dello scrittore e giornalista Giancarlo Padula

Mistero e lotta tra il Bene e il male al centro del nuovo libro di Giancarlo Padula “Finalmente svelo il segreto della mia vita soprannaturale”(Edizioni Segno)

Roma- La vita è certo un mistero, e ogni vita è di fatto un mistero, basta fare un po’ di introspezione. Ma quella di Giancarlo Padula, 52 anni, giornalista professionista, direttore delle testate dei ragazzi del Papa, (Papaboys), ex redattore di Paese Sera (uno dei più prestigiosi quotidiani italiani), caposervizio al Corriere dell’Umbria e alle Gazzette e infine redattore dei quotidiani locali del Gruppo Espresso - La Repubblica, per i quali, nel 1997, in esclusiva mondiale pubblicò il testamento dello stilista Gianni Versace, è avvolta da un mistero soprannaturale.

Giancarlo Padula vive a Macerata dal 1989 e intorno al 1991, una vita vissuta tra il preternaturale e il soprannaturale, i cui risvolti vengono raccontati in esclusiva in un libro, di pochi avvincenti pagine mozzafiato, che esce in queste ore di bollenti giornate di vacanze estive. Il Premio Astro Nascente, (assegnato il 21 Marco scorso, durante una manifestazione culturale che si è svolta al Teatro Olimpico di Roma), per la trilogia dei libri sul film “The Passion” di Mel Gibson, ancora una volta non delude i suoi lettori e soprattutto quelli che lo seguono da anni nei racconti sempre documentati di episodi di magia nera e occultismo: “Finalmente svelo il segreto della mia vita soprannaturale”, esce in questi giorni nelle librerie per le Edizioni Segno, Casa Editrice leader in Italia per questo genere di letteratura.

Un piccolo-grande scoop che, (ovviamente in linea con il titolo), l’abile giornalista autore di grandi inchieste come quelle sulla musica contemporanea, su Bin Laden, su Papa Woitila, sul Terremoto che colpì l’Irpinia ecc, ha tenuto celato fino a questo momento.

“Io da quando avevo 11 anni, sono misteriosamente a centro di una disputa tremenda, per motivi che intuisco, anzi che in realtà, la Misericordia divina mi ha dato la possibilità di discenere in oltre 11 anni, una disputa tra il Bene e il male. Io sono conteso tra Dio e il suo nemico acerrimo: l’arcangelo, più bello e invidioso Lucifero che precipitò, con grande furore sulla terra dopo una battaglia con le milizie celesti, tirandosi dietro un terzo degli angeli ribelli). Il libro rivela anche i retroscena di uno dei problemi più sentiti nella società di oggi: mali inspiegabili, situazioni incomprensibili, illustrandone la natura e indicando la soluzione”

Giancarlo Padula, è nato a Terni l’11 luglio del 1953, Premio Astro Nascente per la trilogia dei libri sul film di Mel Gibson, The Passion, è giornalista professionista, scrittore, cantautore, attore e regista. Nel settembre del 1997 ha pubblicato in esclusiva mondiale il testamento dello stilista Gianni Versace. Fu, nel ’68-‘69 dirigente del Movimento Studentesco.

Nel novembre del 1973 iniziava il suo lungo percorso di giornalista a “Paese Sera”, uno dei più prestigiosi quotidiani italiani. Ha fatto parte del nucleo fondatore del Network Radio Tv-Galileo, del gruppo storico de “Il Corriere dell’Umbria” e delle “Gazzette”, ricoprendo importanti incarichi sia sotto il profilo prettamente giornalistico che di coordinamento.

Ha fatto parte della Enciclopedia Britannica e del Gruppo Espresso-La Repubblica.

E’ uno dei massimi esperti, sotto il profilo cristiano delle problematiche legate alla magia e all’occultismo, a conoscenza biblica ed ha frequentato L’Istituto Superiore di Scienze Religiose nei pressi del Santuario di Loreto (nel 1991-1992), cimentandosi in diverse dissertazioni a livello teologico. Riconoscente a Oscar Da Riz, per il lungo discepolato nel giornalismo, Francesco Guccini per le tante chiacchierate e interviste per la Canzone d’Autore laica; Roberto Bignoli per la canzone d’autore di ispirazione cristiana; Gian Filippo della Croce e Augusto Visconti per il Teatro, Lola Bonora ai tempi della Galleria d’Arte moderna di Ferrara, Franca Calzavacca, critico d’arte; p Lanfranco santo esorcista, per il lungo discepolato; p. Giovanni, per il suo misticismo; p Claudio e p Riccardo per il grande spessore spirituale trasmesso.