Questo sito contribuisce alla audience di

Voti da 1 a 10 nella scuola elementare

Ecco quanto deciso nel Consiglio dei Ministri del 28 agosto 2008...

Estratto dal sito del Governo:

… … …

Il Consiglio ha quindi approvato i seguenti provvedimenti:

su proposta del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, Mariastella Gelmini:

- un decreto-legge che integra disposizioni e procedure in materia di istruzione scolastica ed universitaria al fine di superare con tempestività problemi e criticità operative; il provvedimento, nel quale sono confluite alcune norme del disegno di legge presentato di recente in Parlamento, introduce tra l’altro in via sperimentale, nelle scuole dell’infanzia e del primo e secondo ciclo, la disciplina denominata “Cittadinanza e Costituzione”, finalizzata ad una presa di coscienza sui comportamenti collettivi civilmente e socialmente responsabili;

con riferimento alla votazione, viene poi stabilito che già dall’imminente anno scolastico il voto di condotta, espresso in decimi, concorrerà alla valutazione complessiva dello studente e, se insufficiente, potrà determinare la non ammissione all’anno successivo o all’esame conclusivo del ciclo.

Ulteriori disposizioni limitano ai soli laureati in medicina e chirurgia l’accesso alle scuole di specializzazione mediche e prevedono il valore abilitante dell’esame di laurea in scienze della formazione primaria.

Infine viene previsto che a partire dall’anno scolastico imminente, nella scuola primaria la valutazione delle singole materie e del comportamento degli studenti sia espressa in decimi ed illustrata con un giudizio analitico sul comportamento complessivo; la medesima valutazione sarà espressa in decimi anche per gli studenti della scuola secondaria di primo grado. Saranno ammessi all’anno successivo solo gli studenti che abbiano conseguito un voto non inferiore a sei decimi in ciascuna disciplina.

Il Consiglio ha anche espresso l’intendimento di perseguire due ulteriori obiettivi: il ritorno al maestro unico nella scuola primaria, che verrà previsto nel Piano di razionalizzazione per la scuola che il Ministro Gelmini sta mettendo a punto, e il mantenimento dei libri di testo per almeno cinque anni, al fine di rendere efficace la lotta al fenomeno del “caro-libri” che il Governo ha da tempo intrapreso;

… … …

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Rosanna Malesani

    16 Oct 2008 - 21:27 - #1
    0 punti
    Up Down

    Solo in questi giorni ho avuto modo di googlare e quindi di notare come molti istituti siano già in sintonia con le innovazioni del nuovo ministro.
    Che dire di chi sta a guardare come nel mio istituto con aria molto sospetta?

Link correlati