Questo sito contribuisce alla audience di

Prove di esame d'italiano e matematica predisposte dall'Invalsi per il 2009

Fatto quanto necessario, compreso l’aver preparato le tesine, il voto finale degli esami, per i 540 candidati al conseguimento della licenza media, passa anche attraverso la valutazione dei[...]

Logo agenzia APcom Fatto quanto necessario, compreso l’aver preparato le tesine, il voto finale degli esami, per i 540 candidati al conseguimento della licenza media, passa anche attraverso la valutazione dei risultati dei circa 50 quesiti su italiano e matematica, predisposti dall’Invalsi per il 2009 e che si svolgeranno però giovedì 18 giugno.

Ormai si sa come si svolgeranno gli esami ma è meglio ricordare che gli alunni avranno a disposizione un’ora per la prima e altrettanto per la seconda prova. Per coloro che potranno motivare la necessità di prove suppletive, l’appuntamento con i test e rinviato a fine mese o ai primi giorni di settembre. Come nell’anno scolastico precedente, per le minoranze di lingua slovena e tedesca, le prove di italiano e matematica preparate dall’Invalsi nel 2009, saranno proposte in madrelingua.

Di questo e altro si parla nel sito OPcom.net: di seguito la parte introduttiva dell’articolo:

“Sono meno di 540mila i candidati alle prese in questi giorni con gli esami finali per ottenere il diploma di licenza media: anche se ogni istituto ha programmato autonomamente il calendario delle prove (in Lombardia inizieranno il 18 giugno mentre per molti alunni quello sarà l’ultimo giorno), la maggior parte ha deciso di farle iniziare questa mattina con lo svolgimento della verifica italiano.

La vera prova nazionale si svolgerà però giovedì, il 18 giugno, quando tutte le scuole riceveranno contemporaneamente per via telematica la medesima traccia riguardante una serie di quesiti di italiano e matematica.

Quest’anno l’esito del test, predisposto dell’Invalsi, l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione, varrà anche ai fini della formulazione del voto finale…”

Per continuare la lettura, basterà cliccare il link correlato. Ciao, Luigi Perillo