Questo sito contribuisce alla audience di

...dalla CINA con ORRORE!

Una nuova investigazione, condotta da Swiss Animal Protection e EAST International, ha portato alla luce orrori inimmaginabili all’interno degli allevamenti di animali da pelliccia in Cina - Gli investigatori di Animal Asia sono stati testimoni di camion caricati con più di 2000 cani per camion - Il mercato della carne di cane è promosso dal governo in alcune zone.

Con molto dispiacere e dolore e grazie a Sabrina Bologni, collega Guida di SuperEva per il Piemonte, e a Paola Ragaglia, brava poetessa è agguerrita sostenitrice della difesa degli animali, sono riuscito a portare alla vostra conoscenza ancora due crimini perpetrati nei confronti dei più deboli e degli indifesi.


Dagli allevamenti cinesi provengono la maggior parte degli inserti ch
e vedi nei parka, nei guanti, negli stivali e perfino nei peluche che affollano le vetrine. Articoli a basso costo e ad alto tasso di crudeltà.

Una nuova investigazione, infatti, condotta da Swiss Animal Protection e EAST International, ha portato alla luce orrori inimmaginabili all’interno degli allevamenti di animali da pelliccia in Cina: animali rinchiusi in anguste gabbie di rete metallica, completamente spoglie e senza riparo. Una prigionia che provoca gravi effetti sul loro comportamento: stereotipie, passività, automutilazione, problemi di riproduzione, fino all’infanticidio. Tutto questo è documentato da foto, filmati e rapporti. Puoi vedere con i tuoi occhi se te la senti: www.nonlosapevo.com Si tratta di una breve riduzione per non turbarti troppo. (leggi tutto il resto…. di Sabrina Bologni)

Questo è, invece, quanto ho appena ricevuto dalla nostra amica Paola Ragaglia. È lei che ci tiene costantemente informati su quanto succede ai nostri “piccoli amici” che per antonomasia definiamo “i migliori amici dell’uomo” questi fedeli amici tu riusciresti a mangiarli?
Gli investigatori di Animal Asia sono stati testimoni di camion caricati con più di 2000 cani per camion arrivati ai grossisti di vendita Hua Nam Wild Animal Market a Guangzhou.
Malattie come il parvovirus, il cimurro e la leptospirosi si diffondono molto velocemente tra I cani il cui sistema immunitario è già molto debole a causa della depressione e della malnutrizione. Siamo spesso testimoni di cani e gatti morti o malati estratti dalle gabbie e buttati.
Il mercato della carne di cane sta diventando sempre più industrializzato ed è pure promosso dal governo in alcune zone. Si sono sviluppati grandi allevamenti e l’importazione di razze giganti e gentili come I San Bernardo, che sono incrociati con la razza locale Mongrel, per avere razze a crescita veloce e docili ‘cani da carne’ che possono essere macellati a 4 mesi di vita. (leggi tutto il resto….)

La maggior parte degli inserti che vedi nei parka, nei guanti, negli stivali e perfino nei peluche che affollano le vetrine, provengono dagli allevamenti cinesi. Articoli a basso costo e ad alto tasso di crudeltà. Boicottiamo dunque questi articoli. Non compriamo il “made in China” come protesta verso questi ed altri orrori.

Visita la Fotogallery

clicca l’icona LAV e firma la petizione