"E vui durmiti ancora" - canzone d'amore siciliana

"Si dice che fosse il 1916. Sul fronte della Carnia si fronteggiavano gli austriaci e due reggimenti formati da Siciliani. Si sparavano e si ammazzavano. Una sera, splendendo la luna, uno dei nostri, un soldato siciliano, prese la sua chitarra e cantò. E mentre cantava, gli spari cessarono. E quando finì di cantare, gli austriaci applaudirono. Questa canzone, cantò il soldato. Non era quello il suo posto, in mezzo alla Morte. E lui invocò il suo posto."

La storia, mi è stata raccontata, quando ero ancora fanciullo, da mia nonna ed ho deciso di aggiungerla, come sottofondo alla mia home page natalizia, corredata dal testo e dalla storia, per la dolcezza della musica e per la poesia che le parole esprimono e per il dolce ricordo che ho di mia nonna.  Un altro esempio della bellezza della Sicilia e della grandezza delle sue Genti.

 

 

E vui durmiti ancora

Lu suli è già spuntatu di lu mari
E vui bidduzza mia durmiti ancora
L’aceddi sunnu stanchi di cantari
Affriddateddi aspettanu ccà fora
Supra ssu barcuneddu su pusati
E aspettanu quann’è ca v’affacciati

Lassati stari nun durmiti cchiui
Ca ‘nzemi a iddi dintra sta vanedda
Ci sugnu puru iu c’aspettu a vui
Ppi viriri ssa facci accussì bedda
Passu cca fora tutti li nuttati
E aspettu sulu quannu v’affacciati

Li ciuri senza i vui nun vonnu stari
Su tutti ccu li testi a pinnuluni
Ognunu d’iddi nun voli sbucciari
Se prima nun si rapi ssu barconi
Intra li buttuneddi su ammucchiati
E aspettanu quann’è ca v’affacciati

Lassati stari nun durmiti cchiui
Ca ‘nzemi a iddi dintra sta vanedda
Ci sugnu puru iu c’aspettu a vui
Ppi viriri ssa facci accussì bedda
Passu cca fora tutti li nuttati
E aspettu sulu quannu v’affacciati

E voi dormite ancora

Già dal mare s’è levato il sole
E voi dormite ancora, piccola e bella
Gli uccelli sono stanchi di cantare
Infreddoliti, aspettano qui fuori
Su quel balconcino si son posati
E aspettano che voi vi affacciate
Basta, non dormite più
Perché insieme a loro, in questa straduccia
Ci sono anch’io ad aspettare voi
Per vedere questo viso così bello
Passo qui fuori tutte le mie notti
E aspetto solo che voi vi affacciate

I fiori non vogliono stare senza di voi
Tengono tutti il loro capo chino
Non ce n’è uno che voglia sbocciare
Se prima non si apre quel balcone
Sono nascosti fra i boccioli
E aspettano che voi vi affacciate

Basta, non dormite più
Perché insieme a loro, in questa straduccia
Ci sono anch’io ad aspettare voi
Per vedere questo viso così bello
Passo qui fuori tutte le mie notti
E aspetto solo che voi vi affacciate.

Parole di Giovanni Formisano e musica di Gaetano Emmanuele Calì Entrambi Catanesi

 

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Pietro Rizzo

    14 Mar 2009 - 21:09 - #1
    0 punti
    Up Down

    Oggi si fa un gran parlare della musica popolare siciliana dell’ottocento, talmente bella da diventare classica.

    I più attenti, come i tenori Roberto Alagna, Andrea Bocelli e Marcello Giordani, i cantanti Mario Venuti, Carmen Consoli, Michela Musolino, e tanti altri, si sono premurati d’incidere alcuni o intere raccolte di questi canti.

    Ma nessuno! Cantante, erudito o musicologo, ha mai ricordato che Frontini, nel 1883, all’età di 23 anni, si presentò dal Cav. Ricordi, con la prima raccolta di canti siciliani, edita col titolo Eco della Sicilia – 50 canti.

    Quest’anno ricorre il settantesimo della sua morte, credo che sia dovere d’artista o musicologo, segnalare che le più belle o le più conosciute melodie siciliane, come Mi votu e mi rivotu, Ciuri, ciuri, Amuri, amuri e tante altre, furono messe in musica da Frontini.

    Personalmente, preferisco ricordarlo per l’opera, in 3 atti, Malìa (libretto di Luigi Capuana), anche in questo caso …………. il silenzio ( o il non sapere? ) .

    Saluti, Pietro Rizzo

    Carmen Consoli e Mario Venuti in Mi votu e mi rivotu
    http://www.youtube.com/watch?v=wGedI9Mx2ck&feature=channel_page

    Versione 1883 - chiedo venia per l’esecuzione - è solo un documento
    http://www.youtube.com/watch?v=QvZDH76IKSk&feature=channel_page

    http://www.youtube.com/58pirizz?gl=IT&hl=it CANALE FRONTINI

  • nuccia

    04 Apr 2009 - 16:22 - #2
    0 punti
    Up Down

    erano anni che non mi commuovevo, oggi l’ho fatto ascoltando questa bellissima canzone interpretata magistralmente dal maestro andrea bocelli. basta poco nella vita per emozionarti

Peeplo News

Attualità e Notizie su Peeplo News.

Cercale ora!