Questo sito contribuisce alla audience di

L'isola che non c'è

Sogno che le donne, che tutte le donne, possano sapere di essere supportate da strutture che garantiscano l’assistenza ai bambini, per potersi dedicare al lavoro e perché no, all’impegno sociale e politico -&#nbsp; Siamo noi che abbiamo il diritto ed il dovere di pretendere un governo regionale, che ci&#nbsp; dia&#nbsp; la dignità e l’orgoglio di essere&#nbsp; cittadini, studenti,&#nbsp; lavoratori, pensionati, anziani, malati,&#nbsp; qui&#nbsp; in SICILIA&#nbsp; (di Laura Incremona)

Penso a grandi imprese e grandi aziende che le uniche cose che devono pagare, sono le tasse, eque ed in giusta misura. Ed immagino anche un governo regionale che si limiti solo a rispettare l’autonomia che abbiamo già per statuto, senza dovere inventare strane politiche che sanciscano l’autonomia alleandosi con partiti disgregativi , secessionisti ed anti meridionalisti. Sogno che le donne, che tutte le donne, possano sapere di essere supportate da strutture che garantiscano l’assistenza ai bambini, per potersi dedicare al lavoro e perché no, all’impegno sociale e politico. Vorrei sentire dire da coloro che restano qui, che non si tratta di un atto di coraggio, ma che ci vuole coraggio a lasciare questa terra.

Mi chiedo perché io debba solo immaginare un’ ISOLA CHE NON C’ E’. Perché dobbiamo dirci tacitamente e con tragica rassegnazione che tutto ciò, non ci apparterrà mai? Perché diamo per scontato che tutto resterà come è sempre stato? Ma perché non possiamo essere i protagonisti di una dovuta e meritata “discontinuità”!

Siamo noi che abbiamo il diritto ed il dovere di pretendere un governo regionale, che ci dia la dignità e l’orgoglio di essere cittadini, studenti, lavoratori, pensionati, anziani, malati, qui in SICILIA, dove tutto questo ci spetta di diritto e non per favore. Allora, cominciamo a costruire l’isola che c’è, che c’è sempre stata ma che tutti hanno tentato di offuscare, depauperare, sminuire, soggiogare, fino a renderla sconosciuta a noi stessi, fino a renderci sfiduciati in noi stessi.

Affidiamo allora questo grande progetto di costruzione a chi ha idee, voglia, credibilità per portarlo avanti: al centro sinistra ai democratici di sinistra con la loro lista , la quercia con Rita Borsellino, a Salvo Zago capolista Ds (torna inizio intervento…)

Laura Incremona