Questo sito contribuisce alla audience di

Renato Guttuso: "Sicilia rigogliosa su tela"

I primi quadri raffigurano i suoi contadini siciliani e compaesani; tra i suoi quadri celebri vi sono "Fuga dall'Etna" del 1937, e "Vuccirria" - Si sposta a Parigi dove ritrae i giovani nelle prime marce di protesta in quello che diverrà poi il leggendario "maggio francese" - Morirà dopo poco la compagna, il 18 gennaio 1987 a Roma. Alla sua città natale lascia in eredità molte opere


 

Esponente della cultura dell’area comunista, famoso pittore, Renato Guttuso nasce a Bagheria il 26 dicembre 1911.
I genitori, per contrasti con l’amministrazione comunale di Bagheria dovuti alle loro idee liberali, scelgono di denunciare la nascita a Palermo il 2 gennaio 1912. Il talento di Guttuso è precoce e a soli tredici anRenato Guttusoni inizia a datare e firmare i propri quadri. Appena diciassettenne (1928) ha l’occasione di allestire la sua prima mostra a Palermo. 

 

I primi quadri raffigurano i suoi contadini siciliani e compaesani; tra i suoi quadri celebri vi sono “Fuga dall’Etna” del 1937, e “Vuccirria”, che celebra il popolare mercato di Palermo. La sua esecuzione prettamente figurativa affronta i temi del mondo contadino e rurale, temi sociali e soggetti dichiaratamente politici. Si trasferisce a Roma dove stringe rapporti di amicizia e professionali con i pittori Birolli, Fontana e Persico.

 

 

Allo scoppio della Seconda guerra mondiale Guttuso dipinge una serie di quadri dal titolo “Gott mit Uns” - “Dio è con noi” - motto che raffigura inciso sulle fibbie dei soldati nazisti. Il suo messaggio polemico affiora con prepotenza. La sua espressione ideologica raggiungerà l’apice con l’opera “I funerali di Togliatti”, che diventerà manifesto dell’antifascismo. Nel dopoguerra segue stilisticamente il primo periodo di Pablo Picasso, il cosiddetto “periodo blu”. Nel 1946 fonda il “Fronte Nuovo delle Arti”, insieme a Birolli, Vedova, Morlotti e Turcato. Alla fine degli anni ‘60 esegue dei quadri che riflettono la situazione europea e francese. Si sposta a Parigi dove ritrae i giovani nelle prime marce di protesta in quello che diverrà poi il leggendario “maggio francese”. Dal 1969 in poi si stabilisce a Roma, nella strada dei pittori, via Margutta: sua compagna è Marta Marzotto, splendida contessa ex mondina ed ex modella. In questo periodo realizza una serie di quadri autobiografici, tra i quali spicca uno dei suoi migliori lavori, la “Strega Malinconica”, datato 1982.

 

 

Immagine tratta dalla mostraDopo la morte della moglie Guttuso si riavvicina alla fede cristiana, di cui aveva comunque sempre condiviso a modo suo i valori umani e di pietà per gli oppressi. Morirà dopo poco la compagna, il 18 gennaio 1987 a Roma. Alla sua città natale lascia in eredità molte opere che sono raccolte oggi nel museo di Villa Cattolica. Guttuso non ebbe mai figli, se non uno adottivo, Fabio Carapezza Guttuso, il quale dopo la morte del padre, ha fondato gli “Archivi Guttuso”

 

 

 

 

 

.