Questo sito contribuisce alla audience di

Secco "NO" alle trivellazioni in Sicilia

La Regione Sicilia ha detto "NO" alle trivellazioni previste dalla British Petroleum a soli 500 Km dalla costa.

Trivellazioni Sicilia

In realtà, se ne parlava già nel 2007 ed è stato proprio per un accordo fatto tra la compagnia britannica British Petroleum, la stessa responsabile della catastrofe in Louisiana, con Tripoli che prevedeva l’autorizzazione ad effettuare cinque perforazioni nel Golfo della Sirte. Purtroppo però, ciò comporterà un grave impatto ambientale per le coste siciliane di Lampedusa e Pantelleria in quanto ben tre trivellazioni, saranno effettuate proprio nel canale di Sicilia.

La posizione del Governo Regionale Siciliano è stata netta e l’assessore regionale al Territorio ed Ambiente, Roberto Di Mauro ha ribadito che in una regione come la Sicilia per la quale il mare rappresenta una delle attrattive turistiche fondamentali è ragionevole considerare che l’installazione di numerose piattaforme off-shore, con il conseguente impatto paesaggistico sull’orizzonte marino e le potenziali ricadute in termini di inquinamento da fuoriuscite di gas metano, porterebbero benefici praticamente nulli per la collettività e per il comparto dell’industria, della pesca e del terziario turistico avanzato, mentre altissimi potrebbero risultare i potenziali costi relativi alla sostenibilità economica. Costi per infrastrutture private con risorse regionali ed europee. L’Assessore Di Mauro ha proposto una delibera, approvata dalla giunta regionale, in cui si esprime una chiara e netta contrarietà al rilascio di permessi di ricerca nel territorio della Regione siciliana ai sensi della legge del 21 luglio 1967, n. 613, già presentati al Ministero dello Sviluppo economico e di eventuali altre richieste future.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • ros scat

    26 Jul 2010 - 10:47 - #1
    0 punti
    Up Down

    l’uomo indisturbato da coscienze assopite sta distruggendo la terra e il moto di protesta si leva solo dai pochi per i tanti.