Questo sito contribuisce alla audience di

Le nuove rivelazioni di Wikileaks sulla Sicilia e sul ponte sullo stretto

Il sito Wikileaks rivela un comunicato del console americano a Napoli che dichiara la mancanza di attenzione da parte del governo nella lotta alla mafia e sull’interesse che quest’ultima potrebbe avere nella costruzione del ponte sullo stretto di Messina.

Wikilearks contro il ponte sullo stretto

Risale a pochi giorni fa l’ultima rivelazione di Wikileaks, il sito di Julian Assange e stavolta, ad essere tirata il ballo è proprio la nostra isola e la mancanza di attenzione nella lotta alla mafia da parte dei politici nazionali e della Chiesa.

Secondo l’informazione di Wikileakrs, il console americano a Napoli, J. Patrick Truhn, nel 2008 ha inviato un comunicato al suo governo relativo al ponte sullo stretto di Messina in cui il console ha chiaramente dichiarato quanto tale opera rappresenti per la mafia un’occasione da cogliere. Inoltre Truhn sottolinea la quasi inutilità del ponte, di fronte alle grandi carenze di infrastrutture che riguardano sia la Sicilia che la Calabria.

In realtà comunque, si deve dire che gran parte dei siciliani e dei calabresi, da tempo si interroga sul perché lo Stato italiano sia così fortemente interessato alla costruzione del ponte, ignorando le continue ed urgenti richieste che i due popoli lanciano e che riguardano strade, ferrovie, acquedotti, opere a dir lunga molto più importanti per il benessere ed il vivere comune.