Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • Lo zuccotto pasquale

    Accanto alle tradizionali ricette che per secoli hanno accompagnato le feste pasquali, ritoviamo delle piacevoli novità frutto della fantasia e dell'abilità culinaria. Questa ricetta che propongo, pur nella sua difficoltà, risulta essere di sicuro effetto.

  • Roberto GUCCIONE: "Il poliziotto artista"

    Roberto Guccione racconta: "l'artista Guccione" - Quarant'uno anni - Entrato nella Polizia di Stato all'età di diciotto anni - "Sin dalla mia infanzia ho ammirato con una certa tendenza ed interesse particolare il mondo artistico..." - "...una sensazione che mi spingeva quasi con "violenza" a mettere in mano un pennello e sbizzarrirmi su una tela" - "...ricordo ancora la mia prima tela, quel pennello sbarazzino che giocava con i colori, mi lasciai trascinare da questa forza di volontà" - "...una personale di pittura nella terra della Pace, cittadina rigorosamente conosciuta come "città dell'Arte e della Cultura" e questo è un dono speciale, un dono di Dio..".

  • Roberto GUCCIONE: "Il poliziotto artista" - pag. 2 -

    "Amo gli alberi sempreverdi, amo i campi fioriti, amo il profumo e la percezione che la nostra terra ci da.." - "Immergermi nella natura più pura e voler rappresentarla sulla tela è per me la "descrizione immagine" di ciò che realmente esiste: la terra Iblea!" - "Questa mia prima personale di pittura a Comiso, la dedico ad una persona a me molto cara e speciale "A Mio Padre Giombattista" - "Sono felice di essere nato in questa splendida terra Iblea..." - "La cosa più bella che rimane della vita è l'Amicizia..." - "Anche un semplice scarabocchio a volte rappresenta la volontà dell'espressione..."

  • La SICILIA: "Dalla Preistoria alla.. Storia" - pag. 3 -

    Le grotte costituiscono la prima dimora conosciuta dell'uomo in Sicilia - Le grotte furono abitate all'incirca 12.000 anni fa, ma i primi uomini avevano popolato la Sicilia alcune centinaia di migliaia di anni prima - Sull'altro versante del monte Pellegrino, alla grotta Niscemi ed in altre grotte(da quella della Za' Minica, presso Carini, a quella del Genovese, a Levanzo) è un infittirsi di esemplari raffigurazioni collocabili intorno ai 12.000-8.000 anni fa - Si tratta di un comprensorio di primaria importanza per la conoscenza dell'arte rupestre paleo-mesolitica.