Questo sito contribuisce alla audience di

Olifanti

La descrizione degli Olifanti

Gli Olifanti, il cui nome originale sarebbe Mûmakil, sono animali enormi, simili agli elefanti: pelle color grigia, zanne e stazza sopra il normale. Questi animali sono originari del sud, o quantomeno vi risiedono ai tempi della Guerra dell’Anello, in quanto vengono utilizzati dai Sudroni come mezzi militari; gli Olifanti non si fermano davanti a niente e nessuno, schiacciando uomini e abbattendo alberi. Incontriamo gli Olifanti per la prima volta nell’Ithillien, quando Faramir e i suoi uomini tendono un’imboscata all’esercito di Haradrim venuto dal sud che si congiunge a quello di Mordor.

Ne “Il Ritorno del Re” partecipano invece alla Battaglia dei Campi del Pelennor. Sono guidati dagli Haradrim, o Sudroni, e combattono dunque nelle file di Mordor. Il loro arrivo in battaglia crea lo scompiglio fra le file degli eserciti di Rohan e Gondor, e nei campi del Pelennor gli olifanti spazzano via con le zanne, schiacciano con le zampe e infilzano i combattenti più vicini a loro. Per sconfiggerli i cavalieri di Gondor bruciano l’erba nelle loro vicinanze; la vista del fuoco provoca l’imbizzarrimento degli olifanti. Inoltre gli arcieri colpiscono le bestie negli occhi, punto debole degli olifanti. Nella fuga disordinata calpestano le stesse truppe di Mordor.

Argomenti

Ultimi interventi

Vedi tutti