Questo sito contribuisce alla audience di

Boicottaggio per Lo hobbit

Il film sembra non avere pace, ora i sindacati chiedono agli attori di boicottare il film


I membri della Canadian Actors Equity, US Actors Equity, della Screen Actors Guild, UK Actors Equity, della American Federation of Television and Radio Artists, della Media, Entertainment & Arts Alliance (Australia) e della Alliance of Canadian Cinema, Television and Radio Artists sono invitati a non accettare proposte di lavoro per questa produzione realizzata all’esterno dell’Unione degli Attori. Se verrete contattati dalla produzione per lavorare allo Hobbit, vi preghiamo di segnalarcelo immediatamente.

Con queste parole la FIA (International Federation of Actors) invita gli attori membi a boicottare il film di Peter Jackson come atto di solidarietà nei confronti dei colleghi neozelandesi. La Fia aveva infatti tentato di negoziare con la produzione uno standard per i minimi salariali, una cifra che gli attori ricevono ogni volta che viene trasmesso o proiettato un film e altri diritti dei lavoratori per gli attori neozelandesi, che al momento non fanno parte dell’Unione.

Non avendo ricevuto ripsposta hanno indetto questo boicottaggio precisando che gli attori non sono obbligati a non partecipare alla produzione de Lo Hobbit ma che nel caso lo facessero potrebbero esserci punizioni da parte dell’unione.

Tuttavia al casting tenutosi il 26 settembre a Wellington per le figure in scala di cui vi avevo parlato hanno partecipato centinaia di persone come dimostra questo video

Ultimi interventi

Vedi tutti