Questo sito contribuisce alla audience di

Malalingua da spiaggia.

Amenità degli italiani nell’ estate 2005

Foto: - Bagnanti - dal web

MALELINGUE - Se il “tipo da spiaggia” è una specie in estinzione, se l’ “approccio” è diventato un tabù è da considerarsi in aumento invece un’ altra categoria da spiaggia: la malalingua da ombrellone.

DI CHI SI “SPARLA” OGGI? - Da quanto stabilito da uno studio di Eta Meta Research,

condotto in collaborazione con un team di psicologi, ogni 18 minuti viene emesso un giudizio su una persona assente. I soggetti preferiti? Si ama sparlare degli assenti, dei colleghi, degli amici, dei parenti e delle suocere. Ma chi sono i più pettegoli? Strano ma vero: sono gli uomini! Uno su due ha dichiarato infatti di aver “sparlato” di qualcuno negli ultimi sei mesi contro il 38% delle donne che ammettono di farlo spesso.

“SPARLARE” IN SPIAGGIA – I soggetti da “sparlare” si diversificano a seconda dei

sessi. Sempre secondo l’indagine di Eta Meta Research, le donne limitano il “chiacchierare” in circoli ristretti e gli argomenti si concentrano sul look (57%) e forma fisica (54%) delle amiche, oltre che sulla casa (48%) e le scelte in fatto di partner (37%). Gli uomini invece, “sparlano” senza curarsi di dove si trovino (36%) e gli argomenti preferiti sono la carriera (65%) la posizione raggiunta dagli amici (63%) le scelte in fatto di donne (47%) e il modo di guidare (34%).

Il 16% degli intervistati fa risalire il motivo del “chiacchierare” al trascorrere il tempo e all’ “ammazzare la noia in vacanza”. Gli psicologi pensano però che sia una valvola di sfogo al senso di insoddisfazione generale.

INTERVENTI ATTINENTI - Estate 2005

INTERVENTI ATTINENTI - Estate 2007

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti