Questo sito contribuisce alla audience di

Maschio: un catalogo "tipologico"

Nel disordine delle identità maschili fluttuanti, si passa dall'übersexual estivo ai pomosexual e ai technosexual della stagione invernale. Di seguito un catalogo orientativo dei "tipi" dell'ultimo periodo.

Tratto da Panorama.it 28.11.2005


RETROSEXUAL
: Eredi dei paleosexual, ma meno integralisti. Più calati nella modernità, accettano mediazioni, non sono necessariamente legati a una tribù. Tendono al machismo brutale, conservatori ma non per questo conformisti. Usano acqua di colonia e ululano alla luna. Se ne trovano di famosi dalle parti di Cellino San Marco.

ÜBERSEXUAL: Il supermaschio, elegante, rassicurante, carismatico. Spesso una simpatica carogna. La donna non è un accessorio del suo piacere o un riflesso del suo narcisismo, ma una compagna da condividere e, se necessario, proteggere. All’occorrenza sa come cambiare i pannolini del pupo.

PALEOSEXUAL: In principio c’è lui, capotribù, totemico, sultano. Si va dai padri del Vecchio Testamento agli eroi stile John Wayne. Nascono anche dalle parti della via Gluck. Nel nome del padre padrone.

POMOSEXUAL: Contrazione di postmodern sexual. Sono identità fluttuanti. Il disordine come stile di vita. Al confine con il transgender, cioè l’abolizione del genere. Degenerano, infatti. Dalle ammucchiate all’eremo tibetano. Per loro la vita è un eterno instant book. Sempre in corsia di sorpasso.

SMILESEXUAL: I «piacioni» per definizione. Seduttori a oltranza. Schiavi del consenso, si esaltano nel certificare sorrisi ebeti di approvazione. La loro vita è un talkshow permanente. Se si applicano diventano sindaci e presidenti del Consiglio. I «piacioni» per definizione. Seduttori a oltranza. Schiavi del consenso, si esaltano nel certificare sorrisi ebeti di approvazione. La loro vita è un talkshow permanente. Se si applicano diventano sindaci e presidenti del Consiglio.

TECHNOSEXUAL: I maniaci multimediali della chat, i feticisti del chip. Hanno scosse orgasmiche solo di fronte a un computer. Con le amanti meglio scambiarsi le password e il codice utente che i liquidi seminali. Amano gli organi sintetici. I loro pusher sono i venditori di gadget elettronici. Il complesso di Edipo? Un wargame.

EMOSEXUAL: Emotional boys. Nascono vecchi. Mammolette ipersensibili, somatizzano. Lamentosi e macilenti. Amleto è il capostipite. La fragilità pensosa, il guscio. Produttori di tribulina, il market dell’ansia.

TWINSEXUAL: Inseparabili dalla nascita. Osmotici. Vivono, pensano, desiderano all’unisono. Sono l’uno il sintomo dell’altro. Infilati nello stesso collant marciano nella stessa direzione. La vita come joint-venture.

METROSEXUAL: È il neodandy metropolitano etero. Ostentano un grande feeling con se stessi. Nell’attenzione al futile, nella cura della persona e nello shopping compulsivo esaltano il femminile che è in loro. La loro psiche è insonorizzata. Impenetrabile. Se hanno un’anima non sanno che farsene.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti