Questo sito contribuisce alla audience di

Lo sciatore che ha denunciato Rossi: «Solo un sms per scusarsi».

«Io, travolto da Valentino sulle Dolomiti».

Claudio, 47 anni, commercialista romano, ha un omero fratturato dopo l’episodio di Madonna di Campiglio.
«Mi è dispiaciuto come sportivo, seguo il moto mondiale. Da un campione come Valentino Rossi mi aspettavo un comportamento diverso». È sera quando la station wagon carica di bagagli e sci parcheggia davanti al portone di una stradina di Vigna Stelluti, quartiere bene di Roma. Il viaggio da Madonna di Campiglio è terminato, la settimana bianca della famiglia Bertè si è conclusa con parecchio anticipo. Claudio, 47 anni, commercialista, è stato investito e ingessato alla spalla sinistra per la frattura dell’omero, sulle piste del Trentino dal campione di moto mondiale, in sella allo snowboard.

Lei è stato investito da Valentino Rossi a Campiglio e lo ha denunciato. O no?
«Non ne vorrei parlare, sono sempre stato un suo ammiratore».

Ma non ha sporto querela?
«Per il comportamento, non è stato gentile come è stato scritto».

Allora cosa è successo?
«Venerdì mattina ero con mia figlia, era la nostra seconda discesa della Pradalago, quando ho sentito una montagna venirmi addosso. Era Rossi con lo snowboard».

Quando si è trovato a terra l’ha riconosciuto?
«Certo, gli occhi e la voce. E mi ha detto: “Hai capito chi sono? Continuerai a essere un mio fan?».

E poi?
«Sono arrivati i poliziotti e uno di loro rivolto al gruppo del campione: “Ancora una volta voi?”. Come ci fosse stato un precedente. Ci hanno identificati e io sono andato via con l’ambulanza. Rossi mi ha chiesto il numero di telefono».

Però si è fermato a prestare i primi soccorsi?
«Ha fatto il suo dovere, io sono finito al pronto soccorso, poi sono svenuto e mi hanno portato in ospedale dove sono stato ricoverato per due giorni. Ma Rossi non si è mai degnato di fare una telefonata. Invece il poliziotto mi ha chiamato. Capisco che una persona celebre ha dei problemi ad andare in un posto pubblico, ma poteva mandare un suo amico».

Non ha avuto più sue notizie?
«Sì, un sms dopo 3 giorni. C’era scritto:”Ho incontrato il poliziotto che ti ha chiamato, volevo sapere anche io come stai”. Ma proveniva da un numero anonimo, non ho potuto neanche rispondere, non mi sembra che fosse interessato a sapere le mie condizioni. Non è un comportamento cortese».

****************************

Se mi è permesso un commento…Sarà mica il commercialista di Max Biaggi..? ;-)

Link correlati