Questo sito contribuisce alla audience di

Come ricordare i sogni

Cosa possiamo fare per ricordare i sogni....

ricordare sogni simboli redon

Tenere un quaderno-diario con relativa penna sul comodino e al mattino, o addirittura di notte, scrivere i sogni che ricordiamo, i collegamenti che ci vengono in mente con gli avvenimenti del giorno precedente, i sentimenti e le emozioni implicate. Scrivere comunque qualcosa, anche una breve immagine o frammento. Abituarsi quindi ad usare il quaderno tutti i giorni.

E’ molto più facile che si ricordino i sogni durante occasionali risvegli notturni, a questo proposito ho raccolto alcune “perle” che riguardano gli stratagemmi atti a favorire il risveglio notturno ed il ricordo onirico. Ve le riporto come curiosità e senza commentarle :-)

  • Bere molta acqua che, stimolando la diuresi, costringe a svegliarsi ed obbedire ad un urgente bisogno fisiologico.
  • Mettere una sveglia che suoni ogni due ore circa.
  • Mangiare “pesante”.
  • Fumare marijuana.
  • Dare un titolo al sogno contribuisce a focalizzare la nostra attenzione su questo lavoro, stimola l’immaginazione e la creatività, crea un contatto con l’inconscio.
  • Mettere sotto il cuscino o sul comodino un simbolo (può essere una pietra dura, un sasso, una pietra, un’immagine che ci colpisce ecc.) che abbia un significato particolare per noi e che si colleghi al mondo dei sogni. Ogni piccolo gesto che si fa con l’intento di ricordare, anche quello che ci appare più stupido o inutile, ha la sua efficacia e la sua validità.
  • Prendere l’impegno al momento di addormentarsi di trascrivere al mattino i sogni, creare anche una piccola visualizzazione o affermazione mentale che aiuti il proposito. Ad esempio si può ripetere : “Ricorderò i miei sogni al mio risveglio” lentamente e continuamente fino ad entrare nello stato ipnagogico, in cui ci si sta abbandonando al sonno. Giorno dopo giorno la nostra convinzione e la volontà di voler ricordare influiranno in modo positivo.
  • Al risveglio restare senza cambiare posizione e tornare con la mente all’ultima immagine che affiora. Da questa tornare indietro, riavvolgendo la storia come fosse un gomitolo, restare quindi nell’impressione e nelle sensazioni provocate dal sogno, senza attivare il corpo fisico e la mente “diurna” che, con la volontà esplicita di ricordare, a volte, cancella ogni immagine.
  • Evitare sveglia o musica se si osserva che inibiscono il ricordo. I sogni rimangono in una memoria volatile che per sua natura si dissolve con molta facilità. Alzarsi in fretta, fare colazione, correre al lavoro sono azioni che spesso cancellano in poco tempo il ricordo più chiaro, le emozioni più sentite relative al sogno.
  • Fare un inventario della giornata precedente, dal momento che molti sogni sono suscitati da quanto si è vissuto o pensato. Aspettarsi di conseguenza che gli avvenimenti che ci colpiscono in modo particolare o i pensieri che ci frullano in testa in modo ossessivo, possano suscitare un sogno.
  • Condividere i sogni con altre persone. Raccontarli al partner o a chi prova lo stesso interesse, formare piccoli gruppi di lavoro e di condivisione. Lo stimolo e la suggestione provocata dal racconto, così come l’attitudine all’ascolto e alla visualizzazione delle immagini altrui, costituiscono un mezzo formidabile per aiutare la memoria onirica.


Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • josaya

    14 Jun 2010 - 16:34 - #1
    0 punti
    Up Down

    fumare marjuana anche no … nn ti fa ricordare nulla!!! fumo abitualmente e da quando ho smesso ricordo tutti i sogni

    Grazie per aver riportato la tua esperienza..in effetti nell’articolo ho riportato anche pareri altrui che non condivido e non sono in grado di verificare. Sono felice per te se hai ripreso a sognare. Un caro saluto marni

  • dRYLL

    25 Aug 2010 - 16:54 - #2
    0 punti
    Up Down

    io ricordo un brutto sogno di quando avevo circa 7 anni, fra qualche mese necompirò 39, è possibile che sia stato solo un brutto sogno o qualcosa che sia avvenuto realmente?

    ciao …sono possibili tutte e due le opzioni. ma non avrai la sicurezza fino a che non indagherai facendo un lavoro di analisi con un terapeuta. e forse nemmeno allora avrai la sicurezza. Un caro saluto
    marni

  • Benny

    17 Jan 2011 - 21:30 - #3
    0 punti
    Up Down

    Salve… allora, volevo sapere se lei ha scritto qualcosa e, se no, può dirmi, qualcosa riguardo al sogno in adolescenza. Io ho 14 anni, e sono follemente innamorata di alcuni ragazzi; la sera prima di addormentarmi faccio film mentali su come sarà il nostro primo appuntamento, su come ci baceremo, che penso siano tipiche delle adolescenti (spero). Io mi faccio questi film mentali da 2-3 anni circa e io ho sognato, o almeno penso, solo 2 vole riguardo a questi ragazzi che mi piacevano. Io ho sentito che in realtà si sogna ogni notte quindi se io dico che ho sognato solo due volte… forse è perchè ho ricordato solo due volte?
    La seconda domanda è: se in effetti io ho ricordato solo due volte, come potrei ricordare questi sogni più frequentemente? C’è qualcosa di particolare per la mia fascia d’età?
    Grazie mille per l’aiuto
    Benedetta


    Buongiorno Benedetta, rispondo alle tue domande:
    sì, se hai ricordato solo due volte i sogni, non significa che tu non abbia sognato di più. Per ricordare i sogni ci sono tecniche specifiche che puoi leggere qui
    http://guide.supereva.it/sogni/interventi/2005/10/228124.shtml
    ma secondo me non devi allarmarti se non ricordi TUTTI i sogni, forse stai ricordando solo quello che è necessario per te. Anche le fantasie sull’altro sesso sono , alla tu a età , assolutamente normali , una parte della crescita. Non ho scritto nulla di specifico sull’adolescenza, ma puoi trovare qualcosa qui:
    http://guide.supereva.it/sogni/interventi/2005/12/237539.shtml
    Scusa per il ritardo con cui ti ho risposto, ma ci sono periodi in cui i commenti e le richieste sono più numeroso e non riesco ad evaderle come vorrei.
    Un caro saluto
    marni