Questo sito contribuisce alla audience di

Marzia Mazzavillani: "Incubo"

Di un sogno diverso s’ affaccia il sospetto....

incubo marzia mazzavillani

Mi sveglio di notte
col buio che spinge
mi spezza il respiro
mi blocca la gola.

Del sogno interrotto
ricopro il mio letto
fantasma leggero
mi danza sul petto.

Gelato il pensiero
immobile il corpo,
la voce riprende
del coro di un sogno

la nota profonda
che scuote la pancia,
la lama rovente

che insegue e rilancia

il dubbio di ieri,
nel buio più fondo
mi serra mi punge,
minaccia il ricordo .

Di un sogno diverso
s’ affaccia il sospetto
richiamo di un’ alba
che avanza sul letto.