Questo sito contribuisce alla audience di

La struttura dei sogni

Sappiamo che i sogni sono significativi e parte della nostra totalità, possiamo quindi imparare a riconoscere la loro struttura interna, le diverse tipologie ed il diverso impatto che possono avere sul sognatore.

struttura sogni de chirico

Riconoscere la struttura dei sogni, le diverse tipologie di sogni ed il diverso impatto che possono avere sul sognatore è importante per comprenderli e trovare utili collegamenti con la realtà e con gli aspetti psichici che fanno parte della nostra personalità.

I sogni sono in grado di rivelarci o darci indicazioni su questa nostra “totalità”, per viverla o prenderne coscienza, per rivelarne gli aspetti nascosti o enfatizzare paure o bisogni che ancora non si sono rivelati.

Ma vediamo come individuare una struttura nei sogni tenendo presente la parte iniziale, quella centrale e quella finale.

  1. Nella parte iniziale come in una piéce teatrale vengono presentati i personaggi, il loro ruolo, e l’ambiente in cui si muovono. Spesso il sognatore compare come personaggio centrale, a volte come semplice spettatore. Ad esempio:

    ” Sono fuori casa con mio figlio ed il mio cane….” Oppure:

    ” Vedo una casa in fiamme e tante persone sconosciute che si affannano per spegnerlo…”

  2. La parte centrale è riservata all’azione: accade qualcosa, ci sono complicazioni o sviluppi nella vicenda presentata, ostacoli o imprevisti che il sognatore, o altri per lui, devono affrontare. Oppure c’è il confronto diretto con qualcosa di spaventoso e angosciante. Continuiamo con gli esempi precedenti:

    ” …. un grande minaccioso serpente rosso ci sbarra la strada ed io temo per il mio bambino e per il mio cane. Cerco di fuggire con loro.”


    “…. le persone continuano a gettare acqua che però fa divampare ancora più le fiamme, urlano ed imprecano….”

  3. Le ultime immagini ci accompagnano alla “fine” del sogno ed al risveglio. Ogni aspetto conflittuale o perturbante presente nella fase precedente si muove verso una lisi, una risoluzione, oppure verso una dissoluzione, nei casi in cui l ‘inconscio ancora non proponga soluzioni o orientamenti.

    La fine del sogno è molto importante. Dà indicazioni fondamentali sulla direzione in cui il sogno ci vuole portare, sugli obiettivi. Può aprire delle porte, dare illuminazioni e fornire una chiave di lettura fonte di consapevolezza. Gli esempi precedenti possono così terminare:


    “Mi rifugio in una specie di torre che vedo sulla mia destra, sento che il serpente qui non può arrivare, ma lo sento che striscia fuori e ci aspetta. Sento ansia e paura”

    “Arriva un uomo anziano che con molta calma butta l‘acqua da un secchiellino. La sua acqua spegne il fuoco. Sono stupito, ma contento.”

Ecco che il primo sogno concentra l’attenzione del sognatore sul suo mondo istintuale (serpente rosso), sulla paura e sul rifiuto di questo, sul timore che questo mondo possa alienarlo agli affetti domestici, mentre il secondo enfatizza la ” facilità” con cui un aspetto maturo e calmo può agire sulle situazioni di grave conflitto, di forti emozioni.



Se hai letto questo articolo potrebbe interessarti anche:

  1. Sogni di compensazione
  2. Sogni ricorrenti
  3. Sogni comuni
  4. Sognare una jaguar nera


Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni