Questo sito contribuisce alla audience di

Due sogni con il Critico interiore

Sogno spesso di non riuscire quasi a muovermi, di essere come trattenuto da una forza. Sono in una strada o piazza, voglio avanzare, ma i miei muscoli sono rigidi.....

sogni critico interiore

NON RIESCO AD AVANZARE

Sogno spesso di non riuscire quasi a muovermi, di essere come trattenuto da una forza. Sono in una strada o piazza, voglio avanzare, ma i miei muscoli sono rigidi, con grandi sforzi riesco a compiere i passi molto lentamente. Mi accorgo che la gente mi sta guardando, e sono molto in ansia per questo. Mi sento incapace di fare quello che fanno gli altri così provo in tutti i modi ad avere un’andatura normale, ma i muscoli tirano troppo.
(Luca- Solarolo)

——————————————————————————————————-

Un sogno come questo sembra riflettere la preoccupazione di non fare adeguatamente tutto ciò che è richiesto nella vita sociale. Questo cercare di avanzare che non ti riesce, questo sentirsi sotto gli occhi degli altri, il voler avere un’andatura “normale”, sono tutti sintomi di un grande “critico interiore” la parte della personalità che costantemente ci critica e ci confronta con gli altri.

Il critico interiore ci fa sentire SEMPRE inadeguati ed è costantemente in agguato per coglierci in flagrante, suggerendo con la sua vocetta insistente: “Non sei capace…. non ce la puoi fare… questo proprio non fa per te… vediamo adesso cosa sai fare…. non riuscirai mai a fare come lui/lei ecc….

Il suo potere è talmente grande che spesso ci immobilizza, non ci consente nemmeno di provare, perchè tanto: “noi non siamo capaci”. Il fatto che un aspetto come questo sia apparso in modo così evidente nel tuo sogno, mostra che puoi cominciare a distaccartene (conoscere un aspetto di noi che può essere distruttivo, è un modo per affrancarsi dai suoi lati negativi), puoi riconoscere ad esempio che, compiere passi molto lentamente, è meglio che non compierli affatto, oppure che, anche se la gente ti guarda, tu puoi fare ugualmente i tuoi tentativi, che le persone che ti guardano fanno tentativi come i tuoi, che forse anche gli altri si sentono come te ecc…

sogni critico interiore

IL DIRETTORE DELL’ ALBERGO

Cara Marni, ho sognato che ero in albergo durante il solito turno lavorativo notturno e alla fine di questo dovevo chiudere a chiave tutte le porte delle camere vuote, non occupate da clienti. Non era cosa facile poichè il mio albergo ha 98 camere, e in più non sapevo le camere dei clienti già partiti e quindi ero in confusione e ansia, infatti, il mattino dopo il direttore (un uomo sulla cinquantina con i baffi un pò grassottello) irritato, mi chiamava e mi rimproverava caldamente di non aver chiuso tutte le porte a chiave. (R. -Forlì)

——————————————————————————————————

Mi pare un sogno legato all’ansia, al desiderio di fare le cose come vanno fatte ed al timore di non saperle fare. Il direttore dell’albergo sembra rappresentare il tuo “critico interiore” l’aspetto di te che non ti loda e non si congratula per quanto sai fare e magari fai molto bene, ma che mette sempre e solo in evidenza quello che NON “hai fatto” e quello che NON “riesci a fare”.

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo

Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • lorenzo88

    30 Nov 2009 - 19:42 - #1
    0 punti
    Up Down

    ciao marni ho sognato di essere nel letto ed essere svegliato da una voce sconosciuta..apro gli occhi e dinanzi a me mi si presentava un uomo vestito di nero.questo uomo dai tratti somatici di uno sconosciuto,mi pronunciava la seguente frase: “tu non hai carattere ,lasciati andare e vieni con me..” e io dentro di me mi dicevo: ” io ho carattere , non vengo con te ,non mi lascio andare..”.in tutto il sogno c’era qualcosa che mi vincolava nei movimenti e mi trascinava verso di lui. un altro particolare del sogno e che volevo aprire gli occhi ma nel momento stesso in cui li aprivo mi si richiudevano immediatamente da soli!!dopo essermi svegliato avevo l’impressione che gli occhi mi si chiudevano ancora,e avevo paura di riaddormentarmi.