Questo sito contribuisce alla audience di

La cantina nei sogni

Nei sogni la cantina suscita spesso un duplice aspetto di attrazione e paura, potremo sentirci protetti dal suo essere riparata e nascosta, o aver voglia di eplorare, trovare angoli bui mai visti in precedenza, o botole che scendono ancora più in profondità......

cantina sogni

La cantina è base della casa. spesso sotterranea, scavata nel terreno o situata nelle fondamenta, è un luogo chiuso e a volte privo di luce, in cui si ripongono provviste e vino. Nell’immaginario comune è un luogo oscuro polveroso, inquietante, un sotterraneo che può spaventare ed in cui vedere cose paurose, ma anche tesori, cose dimenticate, nascoste, reliquie del tempo passato.

Affondando nel terreno la cantina può rappresentare l’inconscio personale. Quello che possiamo trovarvi e che giace laggiù, non è ancora stato portato alla luce della coscienza: contenuti psichici, aspetti della personalità rinnegati, energie ancora da integrare, sono tutte parti dell’essere umano, che la cantina simbolicamente contiene.

La cantina rappresenta gli strati più profondi della psiche in cui si muovono personaggi fiabeschi o mitologici, simboli di istinti ed idee legati all’uomo che sopravvivono e vengono trasmessi come eredità genetica. C’è anche un legame con le proprie radici, con il retaggio familiare, con gli antenati, con l’energia vitale disponibile qui immagazzinata e protetta, con gli istinti primari fra i quali l’istinto sessuale.

“Ho sognato di essere all’ultimo piano di una casa, discuto animatamente con un uomo sconosciuto, ma man mano che scendiamo le scale tra noi tutto cambia, tanto che in cantina siamo attratti irresistibilmente uno dall’altro e diventiamo amanti.”

Nei sogni la cantina suscita spesso un duplice aspetto di attrazione e paura, potremo sentirci protetti dal suo essere riparata e nascosta, esaminare con interesse le cose riposte laggiù, aver voglia di esplorare e trovarvi angoli bui mai visti in precedenza, e botole che scendono ancora più in profondità. Oppure potremo sentirci terrorizzati, incapaci di uscirne, in pericolo.Molto spesso le emozioni saranno contemporanee: fascino e paura.

Ed i tesori che si potranno trovare (scrigni di monete o di gioielli) alluderanno alle ricchezze interiori che possiamo ora vedere chiaramente, mentre i mostri che inseguono, o le presenze acquattate nell’ombra, rimanderanno ai contenuti inconsci o rinnegati, che devono essere integrati e opportunamente trasformati.

Molto significativo, parlando di cantina, il sogno di Jung, con la botola che lo conduceva sempre più in profondità, a scoprire segni di un passato legato alle origini dell’uomo. Questo sogno lo portò a rintracciare nell’inconscio individuale tracce di aspetti comuni a tutta l’umanità, e ad elaborare la teoria dell’inconscio collettivo.


Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo