Questo sito contribuisce alla audience di

Solstizio d'inverno. Le origini del Natale.

Il solstizio d'inverno, origine del Natale, nel vecchio calendario Giuliano cadeva il 25 dicembre e celebrava le nozze della notte più corta con il giorno più lungo. La rinascita del mondo.

candele solstizio d'inverno

Il solstizio d’inverno è un momento di passaggio ciclico che viene fatto coincidere con il Natale, ma che fin dall’antichità era considerato magico ed inquietante, le sue caratteristiche lo rendevano drammatico: dal 20 al 25 dicembre le giornate diventano sempre più corte e buie, fino ad arrivare alla notte più lunga dell’anno. L’oscurità prende il sopravvento sulla luce, la notte è più lunga del giorno.

Tutta la natura è come sospesa in questa morte simbolica che attende una resurrezione. Morte della luce, morte del sole come divinità fecondante e portatrice di calore, di vita, di benessere. Il sole cede il posto alla tenebra, per poi rinascere come rigenerato. Le giornate dopo il solstizio d’inverno divengono sempre un po’ più lunghe, e di nuovo il potere del Dio Sole cresce e si manifesta nella sua luce.

E’ una simbologia carica di valenze magiche e propiziatorie centrate sul mito della morte- rinascita. Morte del vecchio per il nuovo, morte del vecchio e usurato Dio Sole per la vitalità del Sole Fanciullo, morte del seme nel grembo della Madre Terra che si apre ad accoglierlo.

In tutte le culture e fin dall’antichità più remota, questo periodo dell’anno veniva celebrato e ritualizzato ed erano grandi fuochi ad illuminare la notte, candele, falò attorno a cui festeggiare per incoraggiare l’avvento della luce, la nuova nascita del giorno ed il sole novello nella sua ascesa.

Per celebrare le nozze della notte più corta con il giorno più lungo. La rinascita del mondo.

Anche la tradizione romana del III secolo vantava questa simbologia radicata nel culto della divinità solare, che fioriva e prosperava nella cultura popolare, parallelamente al cristianesimo segreto. L’imperatore Aureliano istituì, per la giornata del solstizio d’inverno, la grande festa del Natalis Solis Invictis (natale del sole invitto), una fantasmagoria di riti, una festa di risonanza e grande partecipazione, non disdegnata neanche dai cristiani.

Fu proprio questa apertura ad allarmare la chiesa. Temeva questi riti più delle persecuzioni, vedendo, nel favore con cui erano accolti e nella diffusione radicata, un motivo di blocco alla diffusione del vangelo. Fare coincidere la notte del sole invictis con la nascita di Gesù Cristo, contando sulla identificazione tra luce solare e luce divina, fu la risposta meditata e vincente.

La nuova celebrazione mantenne una ritualità rigorosa, adattando le pratiche religiose del solstizio d’inverno, origine del Natale, nella festa che tutti conosciamo, dedicata a Gesù Cristo, considerato nuovo sole della spiritualità, fonte di luce e di vita. Questo ha permesso alla nuova celebrazione di attecchire sempre più nella tradizione religiosa e di diffondersi velocemente in ogni ambito della cristianità.

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: Riti ed immagini del Solstizio d’inverno

solstizio d'inverno solstizio d'inverno solstizio d'inverno

solstizio d'inverno solstizio d'inverno solstizio d'inverno

solstizio d'inverno solstizio d'inverno solstizio d'inverno

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni