Questo sito contribuisce alla audience di

Auto e moto. Volontà di potenza ?

Spesso di una auto o di una moto si dice sia lo specchio del suo proprietario, un'ombra molto netta e contrastata che lo accompagna nel mondo, un'immagine proiettiva di ciò che desidera e vuole per se'.

E questa immagine può rivelarne  molti aspetti, alcuni enfatizzati e palesi, altri da intuirsi, da leggere nei particolari più inconsueti, da scoprire nelle funzioni più apprezzate ed utilizzate. L’automobile, in particolare, è un accessorio di uso comune, giustificata dalla necessità, ma ognuno  ha ben presente di sicuro l’auto che, nel corso degli anni, gli ha più corrisposto, con cui si è sentito più in sintonia, con cui ha instaurato un “rapporto”. Con la moto, se possibile,  il legame è ancora più stretto, più  “fusionale”.

 

Sono i mezzi che più di altri, tendono a compensare mancanze e delusioni, che  in modo evidente si possono sfoggiare quotidianamente  come un abito sull’abito. Fanno mostra di noi, ci rendono identificabili, ma possono anche essere  rivelatori di una volontà di potenza di matrice adleriana.

 

E’ soprattutto nei sogni che questo fenomeno si evidenzia. I sogni possono mostrare aspetti compensatori di un deficit fisico o psichico. Il senso di inferiorità che consegue il deficit stesso, sarà  la molla che farà scattare il sogno e  produrrà  immagini compensatorie e consolatorie. 

 

Un esempio  un po’ usurato ma efficace: un ometto magro e smunto, piccolo e senza massa muscolare, è molto probabile che, nell’arco della sua crescita, abbia sviluppato un senso di inferiorità nei confronti di tutti gli appartenenti al sesso maschile che si presentino, al contrario, ben piantati,  forti e dall’aspetto imponente. E’ quasi certo  che il nostro ometto faccia sogni di compensazione in cui esprimere la sua naturale “volontà di potenza“. Il suo aspetto in sogno sarà allora molto più poderoso e tenace, mentre le sue azioni annulleranno  il deficit. 

Di conseguenza si vedrà alle prese con un aggressore a tirar pugni con facilità, o molto più facilmente, sarà alla guida di una auto superaccessoriata e prestigiosa, invidiata  dagli uomini ed apprezzata dalle donne. Oppure inforcherà una moto super, e sfreccerà rombando e raccogliendo gli sguardi dei passanti. 

 

L’esempio è palese e costruito ad arte per illustrare cosa sia la volontà di potenza e come si manifesti. Tale volontà e tale bisogno si può osservare quotidianamente nei mezzi  che riempiono rombando  le nostre strade.

 

Ed ognuno di noi può,  nel ripensare a se’,  prendere in considerazione la quota di “mancanza” che la sua auto o la sua amata motocicletta,  rispecchiano.

 

 

 

Marzia Mazzavillani Copyright  §  Vietata la riproduzione totale o parziale del testo

Link correlati