Questo sito contribuisce alla audience di

Giallo e oro nei sogni

Secondo te, cosa significa fare tutti sogni in cui c'è il colore giallo? Ultimamente in tutti i miei sogni subentra questo colore....una volta lo vedo...altre volte ne sento parlare....

giallo sogni

Secondo te, cosa significa fare tutti sogni in cui c’è il colore giallo? Ultimamente in tutti i miei sogni subentra questo colore….una volta lo vedo…altre volte ne sento parlare…. (M.-Roma)

Giallo, arancio, oro sono nei sogni colori che compaiono spesso, ad indicare vitalità e capacità di recupero fisico, amore per la vita o necessità di muoversi verso l’esterno e verso gli altri, conservando il senso di se’, avendo rispetto per i propri bisogni e coltivando le proprie qualità.

Giallo è il colore che normalmente viene associato alla luce solare, una luce radiante e capace di trasmettere calore, movimento, forza. Non c’è nulla di statico nel giallo e, come il rosso, pulsa di energia compressa che si apre verso verso l’esterno, in un’espansione continua. Luscher paragona il blu all’entrare in una galleria ed il giallo all’uscirne. In questa visione, il colore giallo assume una connotazione di apertura, di liberazione e di sblocco dove, compressione e successiva espansione, gli appartengono.

Così come questa espansione e questa radianza appartengono al sole, che, nello stereotipo infantile, viene sempre dipinto di giallo. Elios nell‘antica grecia, e le divinità solari, venivano immaginati avvolti da luce gialla, e anche le chiome bionde di Gesù nell’iconografia cattolica, sembrano voler richiamare il collegamento con la luminosità diffusa.

Una luce che diventa diretta emanazione del divino, che esprime la totalità, ma anche la chiarezza, l’illuminazione della coscienza. Il Se’ che si esprime nel conscio, che viene alla luce e che agisce nel mondo attraverso l’intelligenza, la volontà.

Il giallo viene associato al 3° chackra (*) Manipura (la pietra rilucente), polo di energia presente nel corpo umano che si lega alle qualità di autostima e di realizzazione nel mondo, al senso di potere che si esprime nell’affermazione : “Io sono” , ma che ha bisogno della volontà e della intelligenza per realizzarsi.

Quando il giallo si concentra nella tonalità oro, il suo potere si astrae verso qualità di perfezione e preziosità, verso il completamento e la realizzazione di tutte le potenzialità. Si pensi al percorso alchemico, dove la trasformazione dal piombo all’oro, simbolicamente rappresenta il percorso dagli stati più ombrosi della coscienza (piombo) a quelli illuminati e superiori, alle possibilità dell’essere. L‘oro diventa “valore”, potenziale interno, realizzazione.

Ma il giallo può scivolare verso tonalità meno brillanti, più “sporche” ed opache, che virano allo zolfo e che rimandano a collera ed acidità “biliari”, a pallori malaticci e malsani. Vediamo quindi come l’archetipo giallo volga, dal polo dell’oro con le qualità di cui sopra, a quello dello zolfo che ne rappresenta il lato di ombra. E la leggerezza, la regalità e lo splendore si muteranno allora in inquietudine e disagio o, come la tradizione popolare sentenzia, malanimo, gelosia ed acredine.

(*) “Ai sette chackra è abbinato un colore in funzione della loro frequenza di azione, ed ogni chackra agisce in un aspetto fisico e psichico della nostra persona” dice Giangi guida di Medianità ed equilibrio nel suo articolo ” I colori dei Chakra….


Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo