Carnevale romagnolo: la maschera di Fasulén

La maschera di Fasulén è il personaggio più tipico del Carnevale romagnolo, primo attore in ogni piéce teatrale messa in scena in questo periodo, ma anche fortunato ed amato burattino protagonista di ogni avventura che si rispetti.

fagiolino carnevale

Il personaggio più conosciuto ed amato nella tradizione del carnevale romagnolo è sicuramente la maschera di Fasulén (che in dialetto bolognese sta per Fagiolino) la cui nascita si fa risalire alla fine al 1700 a Bologna, insieme a quella del più dotto e ampolloso dottor Balanzone.

Ma la fortuna della maschera di Fagiolino nel territorio di Romagna è probabilmente dovuta al suo carattere di popolano semplice ed ignorante che combatte con la fame e la miseria senza cedervi, in cui malignità ed arguzia, volgarità e sincerità si alleano con una furbizia contadina che lo rende un anti-eroe popolare in cui molti possono riconoscersi.

Fagiolino è è facilmente riconoscibile per la cuffia bianca in testa, da “monello” bolognese, magro e segaligno, nervoso e dispettoso e vanta doti di grande amatore, anche se impegnato con Rosaura energica servetta che gli tiene testa.

Si definisce “povero di portafoglio ma ricco di appetito” e la sua perenne ricerca di denaro, di fortuna e di cibo lo proiettano in mille avventure fantastiche, fra maghi malvagi e draghi sputafuoco, vecchie streghe e lupi affamati.

Il confronto con l’aspetto magico e fantastico nonchè spaventoso dell’esistenza, è il perno su cui ruotano molte delle storie che lo vedono protagonista, armato della prontezza che gli permette di risolvere ogni situazione e del fedele bastone che lo difende da ogni pericolo e che utilizza ad ogni occasione per sonore randellate sulla “ciribiricoccola” (come usa chiamar lui la testa).

Suo compare di avventure ed ugualmente amato per la sua stoltezza è il fedele Sganapino, che gli fa da spalla in ogni occasione e che spesso è il destinatario delle sue burle, ai quali si affiancano altri personaggi della commedia dell’arte che ritornano nel tradizionale carnevale romagnolo:: Sandrone, tipica maschera modenese che rappresenta il contadino ingenuo e rozzo provvisto di un vocione sonore e di due soli denti davanti, Brighella furbo ed intrigante con una parlata mista di accenti bergamaschi e veneziani, ed il già citato dottor Balanzone “dotto” universitario che sproloquia in un latino maccheronico e “sputasentenze”.

Ma resta la maschera di Fasulén ad incarnare il personaggio più tipico della tradizione carnevalesca romagnola, il primo attore in ogni piéce teatrale messa in scena in questo periodo ed anche fortunato ed amato burattino.

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: La maschera di Fagiolino

Immagini della maschera di Fagiolino Immagini della maschera di Fagiolino Immagini della maschera di Fagiolino

Immagini della maschera di Fagiolino Immagini della maschera di Fagiolino Immagini della maschera di Fagiolino

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni

Save n'Keep

Bookmark condivisi e privati.

Con Save n' Keep ora è possibile!