Il pane nei sogni

Il pane è il cibo per eccellenza, qualcosa che è dovuto a tutti e vederlo nei sogni, mangiarlo, spezzarlo con le mani, offrirlo ad altri, è indice di necessità soddisfatte, di sicurezza, di speranza, di generosità

Il pane è l’elemento base dell’alimentazione umana, nutriente ed essenziale, prodotto dal lavoro umano attraverso una serie di gesti: dalla raccolta del grano fino alla forma posta in forno, che hanno un loro aspetto rituale e che si perpetuano fin dall’antichità.

La modernità ha accelerato e meccanizzato ogni processo, tuttavia le varie fasi di preparazione del pane nell’immaginario collettivo hanno ancora di un profondo valore. Il pane è il cibo per eccellenza, qualcosa che è dovuto a tutti e vederlo nei sogni, mangiarlo, spezzarlo con le mani, offrirlo ad altri, è indice di necessità soddisfatte, di sicurezza, di speranza, di generosità.

Il pane viene consideratoindispensabile”e base dell’alimentazione e questa valenza lo rende nei sogni simbolo di ciò che per il sognatore ha un valore fondamentale, può essere la sicurezza economica, la solidità, il raziocinio, oppure la persona amata, qualcuno che viene considerato necessario, la famiglia, i figli.

La correlazione fra pane ed amore è presente soprattutto in Freud che ne rileva anche il carattere prettamente sessuale che può emergere dalla forma allungata del pane, mentre Jung si focalizza più sull’aspetto sacrale della preparazione del pane ed anche del gesto di spezzarlo, vedendo in questo una simbologia legata all’espressione di bisogni non solo terreni.

“Non si vive di solo pane”. Ecco che il pane diviene nutrimento “spirituale”, svincolato dalla materia con una valenza di eternità e soddisfazione perenne. E’ il pane sacro della vita eterna, il pane della vita dell’Eucaristia, carne e sangue del Cristo, che compare a ricordare i bisogni del corpo ma anche quelli dello spirito.

Il pane nei sogni è quindi sostanzialmente legato alla quotidianeità della vita ed al suo aspetto più semplice ed essenziale, al lavoro ed all’operosità, al bisogno di nutrimento di ogni aspetto di se’ ed anche all’abbondanza, alla generosità quando viene donato, condiviso, consumato con altri.

L’aspetto del pane nei sogni, il suo grado di cottura, la lievitazione, la freschezza ed il colore più o meno dorato, sono elementi che influiscono sul valore positivo del simbolo. Vedere pane ammuffito e secco, o sognare di mangiarlo è legato a qualche aspetto sgradevole, a qualche disagio nella vita del sognatore, al non potere sostenersi o “nutrire” i suoi bisogni.

L’odore del pane appena sfornato, pregustarne il sapore, il gesto di infornare il pane oppure entrare in una panetteria ben fornita, sono invece elementi che caratterizzano una positività, la speranza di realizzazione di un progetto o di un amore (preparare o infornare il pane) l’aspirazione a qualcosa di più elevato, un ampliamento dei propri limiti.


Perché mettere il pane capovolto a tavola è oggi considerato, soprattutto dai più anziani, un atto di maleducazione, quasi un gesto che può “portare male”?” Questa la domanda con cui si apre l’articolo di Anna Russo guida di Educazione Alimentare. Leggi il seguito>>>>>

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Peeplo Engine

Un motore di ricerca nuovo, ricco e approfondito.

Inizia ora le tue ricerche su Peeplo.