Questo sito contribuisce alla audience di

La prostituta nei sogni

L'immagine della prostituta nei sogni potrà mettere in luce un rapporto superficiale, in cui prevale il desiderio e la soddisfazione del corpo ....

prostituta sogni

L’immagine della prostituta nei sogni può mettere in luce un rapporto superficiale, in cui prevale il desiderio e la soddisfazione del corpo, essere simbolo di qualcosa che viene percepito dal sognatore come riprovevole o di aspetti che il super-io giudica o ritiene non aderenti alle regole morali introiettate.

Nell’antichità la prostituzione veniva praticata, come rito propiziatorio, all’interno delle mura di un tempio, ma anche nelle campagne o in luoghi appositamente scelti, allo scopo di assicurare fertilità e fortuna e procurarsi la benevolenza della dea Afrodite ( Ishtar, Astarte, Mylitta, Venere).

La porneusis sacra” era considerata con estremo rispetto, come celebrazione di una tradizione sacra dovuta agli Dei. E le prostitute che partecipavano ai culti, venivano venerate e rispettate come coloro attraverso le quali la vita e la divinità si manifestavano.

Le religioni monoteiste (Cristianesimo ed Ebraismo) contribuirono a reprimere i culti e le usanze legate a questi rituali: “Non vi sia prostituta fra le figlie d’Israele, né vi sia prostituto tra i figli d’Israele. Non portare mercede di meretrice o prezzo di cinedo nella casa del Signore, tuo Dio, per alcun voto, perchè ambedue sono in abominio al Signore, tuo Dio” (Deuteronomio 23,18-19) trasformando la prostituta, da essere caro agli Dei ed in armonia con il piacere ed il ritmo della natura, in peccatrice, svuotando l’atto sessuale del suo significato simbolico e gioioso, relegando il piacere dell’unione a lussuria ed istinto animale da controllare.

La prostituta al presente è colei che offre il suo corpo per procurare piacere sessuale ricevendone un compenso in denaro. Nella scala sociale in occidente occupa uno scalino molto basso, ed il termine prostituta, spesso sostituito da altri termini più volgari, viene di solito pronunciato con disprezzo e riprovazione.

La sua figura, quando appare nei sogni, porta con se’ questa connotazione negativa di giudizio morale implicito, nei confronti del sesso prezzolato o vissuto al di fuori degli schemi della “rispettabilità”. E’ possibile tuttavia che a questa figura si associ, quando chi sogna è maschio, un aspetto di erotismo, di richiamo sessuale, addebitabile al bisogno di sfogo fisiologico, al desiderio di sesso vissuto senza complicazioni sentimentali.

Se una donna sogna una prostituta, o si vede nei sogni come prostituta, è possibile si senta messa sotto accusa da qualche aspetto di se’ e che ci sia, nella sua realtà, una situazione che sta “subendo” o sopportando per interesse, per tornaconto personale, o ancora, che in una relazione intima senta trascurata la sua componente emotiva e si senta considerata come oggetto sessuale.

La prostituta può incarnare nei sogni anche un aspetto puramente dionisiaco ed afroditico che ha bisogno di emergere e di trovare un suo spazio nella vita del sognatore, di essere accettato e rispettato come fonte di contatto intimo con il corpo e come riconoscimento dell’importanza e della sacralità di un istinto primario come quello sessuale.

In Olanda, dove le case chiuse sono legali e le lavoratrici del sesso pagano regolarmente le tasse, la prostituzione costituisce un’attività di grande impatto economico…” scrive Francesco Addante guida di Olanda, nel suo articolo “Prostituzione Olandese in vetrina”. Leggi il seguito >>>>


Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo