Questo sito contribuisce alla audience di

Latte nei sogni

Sognare di bere latte direttamente dal seno della madre o di altra figura, mostra il sognatore in una situazione subalterna in cui prevale il bisogno di "ricevere".

latte sogni

Il latte nei sogni ha un profondo significato simbolico in quanto è la prima sostanza assunta dall’essere umano. E’ un alimento naturale prodotto nel corpo della femmina allo scopo di nutrire i piccoli, questa funzione, immutata dagli albori della storia dell’uomo, lo rende prezioso ed unico, nutriente e leggero, rigenerante e gradevole al palato.

E questa “completezza”, assunta come primo pasto dei neonati , è associata alla “madre”, al nutrimento ed alle cure, al calore ed all’amore, all’accoglienza ed alla soddisfazione. Ma essendo la madre figura di riferimento centrale ed autorevole, almeno per una certa fase della vita dell’uomo, ilsimbolismo del latte riflette anche un aspetto di “verità” che facilmente si traspone sul piano dello spirito.

Vedere il latte nei sogni è immagine che, al presente, è considerata simbolo di fecondità, di maternità, di affettività, di salute e serenità, di bontà e soddisfazione.

Sognare di bere latte è invece collegato al bisogno di recuperare energie che forse sono andate perse, oppure alla necessità di acquisire forza per affrontare determinate esperienze o una nuova fase della vita.

Il significato del latte nei sogni è legato anche allo sviluppo ed alla crescita psicofisica, versarselo , berlo oppure offrirne ad altri, può essere simbolo di nuovi aspetti di sostegno fisico, intellettuale o spirituale che devono intervenire nella necessaria evoluzione dell’individuo.

Il latte nei sogni può anche richiamare il mondo dell’infanzia e della sicurezza ad esso collegata, il senso di calore e di accettazione, il bisogno di rifugiarsi nel passato, o di rivederne ed elaborarne alcuni aspetti.

Sognare di bere latte direttamente dal seno della madre o di altra figura, mostra il sognatore in una situazione subalterna in cui prevale il bisogno di “ricevere”. Si vede l’altro come dispensatore di qualche verità o di altri beni che appaiono necessari, ma la stessa immagine può rivelare una debolezza fisica e psicologica non riconosciuta nella realtà, e che di notte trova una forma di conforto e di accudimento.


Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo

Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida