Questo sito contribuisce alla audience di

Senex. Il vecchio nei sogni

L'immagine del vecchio nei sogni incarna tutta la complessità dell'archetipo del Senex nei suoi aspetti di abitudine e stabilità, coscienza ed ordine, sagacia, autorevolezza, maturità, pazienza, ma nello stesso modo ne rispecchia il polo legato a Saturno o al maschile divorante di Crono....

vecchio sogni

Una figura di vecchio fa la sua comparsa nei sogni: può colpire o meno l’attenzione e il suo ruolo essere determinante oppure no, il suo aspetto richiamare fragilità ed impotenza, o autorevolezza ed esperienza, riportare il sognatore ai suoi limiti ed alla prudenza oppure spronarlo, dargli consigli, fornirlo di ciò di cui ha bisogno.

Il vecchio nei sogni è rappresentazione archetipica del vecchio saggio, un aspetto che riunisce e sublima qualità e limiti di ogni altra sfaccettatura del maschile: il padre, il figlio, il guerriero, l‘eroe, il santo, l’eremita, il mago.

La fase finale della vita terrena, caratterizzata dalla decadimento fisico della vecchiaia, è anche il momento in cui vengono convogliate esperienze, formalizzate idee e riflessioni, in cui riflettere una saggezza fatta di intelligenza ed esperienza, un “saper vivere” che può diventare guida e protezione per le persone più giovani.

Il padre, il nonno, l’anziano parente, il mendicante che compaiono nei sogni sono simboli di un contatto profondo con gli aspetti di sicurezza e di intuizione legati al Se’ superiore, ad una saggezza profonda che trascende l’esperienza quotidiana del sognatore e che può dargli messaggi, portarlo ad agire con sicurezza, fare la mossa giusta, acquisire le abilità di cui ha bisogno.

La sua immagine porterà a riflettere sulla validità della tradizione e delle radici familiari, sul bagaglio di sapere e di esperienze, sulla resa al tempo, ma anche sul passaggio di consegne da una generazione all’altra, da un ruolo all’altro, sulla perdita di potere (si pensi ai miti e alle leggende dove il vecchio re viene ucciso dal giovane principe per il trono, il re leone sbranato dal giovane maschio che vuole il suo posto) sulla trasformazione fisica che inevitabile indica l’ultimo traguardo, sul cammino regolare, ma inarrestabile da Eros a Thanatos.

L’immagine del vecchio nei sogni incarna tutta la complessità dell’archetipo del Senex nei suoi aspetti di abitudine e stabilità, coscienza ed ordine, sagacia, autorevolezza, maturità, pazienza, ma nello stesso modo ne rispecchia il polo legato a Saturno o al maschile divorante di Crono: il blocco e l’indecisione, il ripiegamento su se stessi, gli umori malsani, stantii o maligni (saturnini), la rigidità, l’involuzione, il dispotismo, l’egoismo.

Così il vecchio, per le situazioni cui partecipa nei sogni, per le parole offerte o il contesto cui compare, può richiamare il sognatore ad un contatto profondo con la sua saggezza interiore, con la necessità di recuperare lentezza ed abitudini, ripescare dal suo passato, dare valore all’esperienza, bisogno reale di consigli. Ma può anche evidenziare l’immobilismo in cui ci si dibatte, la mancanza di vitalità e di vivacità, idee “vecchie”, comportamenti che si sono ormai “fossilizzati”.

Vedersi nei sogni ormai vecchi, sia maschi che femmine, può riferirsi, come sopra, ad alcuni aspetti della vecchiaia che forse bloccano il percorso individuale, oppure a stanchezza, mancanza di entusiasmo e depressione, o al contrario, alla necessità di “maturare”, al confronto onirico con una parte già “matura”, con il bagaglio di esperienza del Senex che dall’inconscio collettivo si riflette nei sogni.


Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml


Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo