Questo sito contribuisce alla audience di

Un chiodo nei sogni

Un unico chiodo che colpisca l'attenzione nei sogni può essere interpretato come un "chiodo fisso": un pensiero penetrante e costante, un tormento continuo, un assillo che disturba ed impedisce di distrarsi.

chiodo sogni

Umile oggetto destinato al lavoro di falegnameria o ad appendere quadri e suppellettili, il chiodo nei sogni può farci prendere coscienza di un lato “pungente” e acuto presente nel nostro carattere o in ciò che stiamo vivendo.

Il chiodo o i chiodi sono duri, rigidi e appuntiti e proprio questa rigidità e la capacità di penetrare sono ciò che nel simbolo onirico emerge con maggior forza.

Così che un unico chiodo che colpisca l’attenzione nei sogni può essere interpretato come “chiodo fisso”: un pensiero penetrante e costante, un tormento continuo, un assillo che disturba ed impedisce di distrarsi.

Il chiodo può collegarsi anche ad un dolore fisico lancinante e delimitato: una emicrania, una nevralgia che forse stanno tormentando il sognatore. O far emergere un complesso di inferiorità rispetto alle dimensioni del pene nell’uomo, nonché delusione, risentimento insoddisfazione sessuale per la donna.

Un grosso chiodo nei sogni può essere simbolo di sacrificio e di dolore (si pensi ai chiodi con cui Gesù Cristo fu inchiodato sulla Croce) e indicare momenti difficili e faticosi dell’esistenza oppure aspetti del sognatore caratterizzati da estrema durezza che possono ferite la sensibilità altrui.

Vedere ammassi di chiodi o trovarsi a camminare sui chiodi nei sogni è ugualmente collegabile alle difficoltà con cui ci si confronta: le asprezze della vita, un “duro” percorso, ostacoli disseminati sul proprio cammino.

Ingoiare un chiodo, mangiare chiodi, ferirsi con i chiodi sono tutte situazioni che nei sogni confrontano il sognatore con qualcosa di doloroso e difficile sul piano della realtà o con aspetti psichici castranti e critici.


Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo