Questo sito contribuisce alla audience di

Il tema natale di Freud e Jung

Un interessante articolo di Cosetta Liverani analizza il tema natale di Freud e Jung, rilevando l'influenza dei vari pianeti sulla loro personalità e la loro opera...

tema natale freud jung

Un interessante articolo di Cosetta Liverani analizza il tema natale di Freud e Jung, rilevando l’influenza dei vari pianeti sulla loro personalità e la loro opera, e sopratutto sul loro approccio verso il mondo dell’inconscio e dei sogni:

“L’analisi del tema natale di due grandi della psicoanalisi S. Freud e C. G. Jung va affrontata, come per ogni altro tema natale, ragionando sulla collocazione dei due pianeti Luna e Saturno, fondamentali per chi voglia intraprendere il viaggio nella conoscenza di un personale progetto qual è l’oroscopo.

Da sempre la Luna rappresenta l’archetipo dell’io profondo, è colei che nutre i sentimenti e rischiara l’oscurità della notte. Durante la notte tutto si ferma e assume un ritmo più lento, tutto prende forme diverse ed è in queste ore di sonno che i lati più nascosti possono rivelarsi meglio .

Attraverso i sogni l’inconscio si svela. Nell’astrologia la Luna rappresenta l’infanzia e la costruzione di simboli attraverso le esperienze e l’emotività che si sviluppa in conseguenza ad essi, è facile così associare la Luna all’inconscio e a quei lati della persona che si esprimono attraverso i sogni e ai comportamenti inconsapevoli.

Rimango del parere che l’astrologia sia uno strumento prezioso nella scoperta di questo meccanismo, considerando che la Luna può rivelare le proprie tendenze con la sua collocazione all’interno delle zodiaco personale.

Come la Luna emerge in tutto il suo potenziale nella notte, Saturno mette i confini celando nell’inconscio, ed in questa loro opposizione si esalta il concetto di dualità che sempre si manifesta.

Saturno conferisce la capacità di occultare gli eventi e le emozioni che la persona rifiuta, dato che Saturno è il censore che elimina il superfluo.

La Luna ha sede nel Cancro, segno delle radici personali e familiari, e ha la sua esaltazione nel Toro segno di nutrimento ed elaborazione lenta e profonda.

Freud era Toro con ascendente Scorpione, che nel loro significato collegabile alla fase orale (Toro) e alla fase Anale ( Scorpione) concorrono a strutturare le sue teorie sul sesso come pulsione unica di vita. Non a caso la Luna si trova insieme a Saturno nei Gemelli ( lo specchio di se’ negli altri) in casa VIII ( Scorpione), sinonimi di rivelazione e riconoscimento di se’.

Infatti psicoanalisi ed inconscio appaiono come specchio della formulazione e dello studio di se stesso. La Luna ( madre) e Saturno ( padre) sono alla base di tutte le teorie di Freud, il quale asseriva che il desiderio sessuale verso il genitore di sesso opposto era la prima pulsione del bambino, e poteva costituire un valido riferimento per la lettura dei sogni.

Inoltre la presenza di Saturno accanto alla Luna ci chiarisce una certa rigidità di vedute, rilevabile nella sua visione di una psicoanalisi riservata a chi soffra di problemi patologici, e nel suo non voler rivelare a Jung i propri sogni per paura di perdere in autorità ( Saturno).

La quadratura di Luna e Nettuno in IV casa evidenzia la difficoltà nel concepire un aspetto spirituale alla base dell’origine umana, e la quadratura di Saturno e Giove ( filosofia e religione) una totale mancanza del senso dell’esperienza religiosa.

Jung invece era Leone con ascendente Acquario, sinonimo di vera supremazia degli istinti e della visione spirituale della vita. Lo stesso asse Toro-Scorpione ( II e VIII casa) con Luna in Toro congiunta a Plutone (trasformazione e creazione) sono caratteristiche di chi possiede una capacità di interiorizzazione molto profonda e un vero e proprio potere di leggere dentro.

Jung non escludeva l’importanza dei simboli legati alla libido, ma affermava che l’inconscio possiede in se’ una capacità creativa e di trasformazione. Saturno in I casa, che caratterizza la sua infanzia infelice, fa trigono a Giove in VIII casa, motivo per cui le esperienze religiose e filosofiche vengono osservate e conservate come patrimonio a come insegnamento.

La vicinanza al Sole di Urano, signore dell’acquario, conduce alla visione di inconscio collettivo e a un diverso modo di associare il passato al presente ( quadratura della Luna). La presenza di Nettuno in II casa ( Habitat e talenti Toro-Luna) che fa aspetto con il Sole inserisce inoltre la qualità di concepire il “trascendentale” e la capacità di adattare l’anima alla vita.”