Questo sito contribuisce alla audience di

Una diga nei sogni

La diga nei sogni costituisce il tentativo dell'uomo civilizzato di regolamentare l'istinto senza annullarlo, di contenerlo in una zona inconscia, ma lecita. Da questo punto di vista è la vera figurazione del Super-io freudiano...

diga sogni

La diga nei sogni è, come nella realtà, un bastione eretto a contenere la forza indomabile dell’acqua, regolamentarne il flusso e frenarne la potenza distruttrice allo scopo di produrre energia elettrica o dirigerla verso gli acquedotti e gli agglomerati urbani.

Per poter contenere e trattenere si presenta solida, a volte gigantesca, un’opera colossale incuneata fra le montagne, la cui parete è il diaframma fra il lago che si forma, ed il vuoto.

C’è una sorta di bellezza e di grandiosità nella diga, ma la sensazione di pericolo, guardandola, è sempre presente. Quasi impossibile non pensare ad una crepa che si allarga sotto la la forza compressa che alfine la squarcia, lasciando fuoriuscire la furia scatenata dell’acqua a lungo trattenuta.

Quest’immagine drammatica ci aiuta a comprendere meglio la diga dei sogni che ha la stessa funzione contenitiva e protettiva di fronte alle forze inconsce che possono tracimare e per questo apparire pericolose ed incontrollabili.

Fra queste forze vanno annoverate gli istinti, la rabbia, l’aggressività, il sesso, ma anche le emozioni possono costituire un pericolo, perchè mettono il sognatore in condizione di esprimersi con eccessiva libertà, perchè scoprono la sua vulnerabilità, perchè possono essere sconvenienti.

Allora la diga interiore diventa sempre più massiccia e si fa carico di trattenere l’energia giudicata pericolosa o distruttiva. La cosa interessante della diga onirica è che, come nella realtà, l’energia rinchiusa può essere utilizzata dal sognatore, può trovare un suo sbocco e non viene rinnegata o annullata.

La diga costituisce il tentativo dell’uomo civilizzato di regolamentare l’istinto senza annullarlo, di contenerlo in una zona inconscia, ma lecita. Da questo punto di vista è la vera figurazione del Super-io freudiano, un’immagine della coscienza che vigila e che consente i rapporti sociale.

Vedere nei sogni la diga è prendere contatto con questa energia compressa e con la funzione psichica che la mantiene raccolta allo scopo, forse, di accedere a questa forza e di poterla integrare almeno in parte.

Vedere la diga che si sfonda e viene distrutta dall’acqua indica i contenuti inconsci che possono allagare la coscienza, gli aspetti repressi che non possono più esser imbrigliati, o il bisogno di lasciar fluire l’energia fisica e psicologica e ricostruire un diverso modo di procedere nella vita sociale e nei rapporti con gli altri.

La diga nei sogni può anche rappresentare, ad un livello più oggettivo, un impedimento, una forza esterna con cui il sognatore si sta confrontando, una barriera, un ostacolo dove le sue idee vanno a cozzare, o i rigidi confini di movimento che è costretto a rispettare.

Se l’argomento dighe ti interessa ed appassiona leggi anche: “Afsluitdijk, l’Olanda celebra i 75 anni della grande Diga” di Guidolanda

Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo