Questo sito contribuisce alla audience di

La foca nei sogni

La foca fugge immergendosi nell'acqua dove i suoi movimenti diventano sinuosi ed leggeri, dove mostra una grazia ed una sicurezza che, nei sogni, diventa la prima immagine di un possibile cambiamento....

foca sogni

La foca che compare nei sogni fa emergere con forza l’archetipo del femminile e della natura selvaggia che reclama il suo spazio nella vita del sognatore.

Il simbolismo della foca affonda le sue radici nelle innumerevoli leggende che fin dall’antichità fioriscono nei paesi del Nord e che hanno come protagonista la donna-foca.

Le vicende variano, ma in tutte domina l’immagine della foca che, liberatasi della spessa pelle, si trasforma in una donna bellissima, o della fanciulla che, per pagare un debito o riscattare una mancanza, viene richiamata al mare con il corpo di foca.

Il saggio “Donne che corrono con i lupi di Clarissa Pinkola Estes con la fiaba “Pelle di foca, pelle d’anima” illustra magnificamente la profondità di questo simbolismo. La fusione dell’animale e della donna rappresenta l’anima selvaggia, il contatto con la forza interiore, con la concretezza del mondo, con lo spirito.

La pelle di foca che racchiude il corpo della donna è il magico confine, il simbolo arcaico del contatto con l’istinto, della capacità di stare nella propria pelle, dell’intuito che allarga la visione, della dignità e dell’ orgoglio del proprio essere.

La pelle di foca è anima del femminile che deve continuamente essere irrorata dall’acqua del mare per offrire il dono della consapevolezza e della felicità.

Ma del simbolo foca vanno considerate altre caratteristiche forse più prosaiche, ma non meno importanti: prima fra tutte la scivolosità della pelle…sfuggente, veloce che rimanda a desideri di fuga e solitudine, a paura dei contatti fisici o sessuali, ad una verginità e ad un isolamento dai desideri altrui.

Così’ la foca fa presagire timori, riluttanze, timidezze o semplicemente desiderio di un proprio spazio privato in cui muoversi ed in cui nuotare” , e proprio in questo spazio di silenzio e solitudine l’archetipo della donna-foca può manifestarsi ed il mondo naturale e selvaggio offrire i suoi doni.

La foca fugge immergendosi nell’acqua dove i suoi movimenti diventano sinuosi ed leggeri, dove mostra una grazia ed una sicurezza che, nei sogni, diventa la prima immagine di un possibile cambiamento, una gestione armoniosa del mondo emotivo, un’intima soddisfazione nel padroneggiarlo, un passo verso la propria anima ed il proprio istinto.

Simbolo positivo di un risveglio della volontà e della capacità di esprimere in pieno la a propria natura e le complessità delle proprie caratteristiche.

Mentre la foca che si dibatte, che viene imprigionata ed uccisa nei sogni è il segnale di una repressione verso le istanze sopra descritte e le esigenze del corpo, repressione che può venire dall’ambiente in cui vive il sognatore o da un parte della sua personalità che teme l’eccessiva libertà di espressione della donna-foca che contrasta con il senso di dovere ed i limiti di aspetti psichici più compiacenti verso le altrui esigenze, più bisognosi di un ruolo tradizionale e definito dalla tradizione e dall’educazione ricevuta.


Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo