Questo sito contribuisce alla audience di

Le grand blue

Notevole la forza visiva ed estraniante dei Sogni di Jacques Mayol in cui onde e delfini invadono i limiti della stanza restituendolo al mare.

film sogni le grand  blueRegia: Luc Besson
Titolo: Le grand blue
Protagonisti: Jean Reno, Jean-Marc Barr, Rosanna Arquette, Sergio Castellitto.
Anno: 1988
Genere: Avventura
Durata: 190′
Produzione: Usa, Francia, Italia

Le grand blue dal 1965 ad Amorgos, isola greca delle Cicladi, dove si ritorna alla fine nel 1988, passando per i 4000 m innevati delle Ande peruviane, Taormina in Sicilia, Antibes sulla Costa Azzurra, è la lunga storia della rivalità amicale tra il francese Jacques Mayol ( Jean Marc Barre) e il siciliano Enzo Molinari ( Jean Reno), che si contendono il titolo mondiale di immersione subacquea in apnea sino ai 120 m.

Campione d’incassi in Francia, fu distribuito (scorciato) solo nel 2002 in Italia a causa di una lunga vertenza giudiziaria, intentata dal subacqueo Enzo Majorca che si era sgradevolmente riconosciuto nel Molinari di J. Reno.

Incurante della verosimiglianza narrativa, a dismisura ambizioso nel puntare sui territori metafisici del sogno, della profondità fisica e spirituale, di un misticismo orientaleggiante e nichilista, appassionato di delfini fin da ragazzo, esteta d’accatto che conosce i gusti del pubblico semicolto, L. Besson ha fatto del suo 3° film non tanto un inno al mare quanto la celebrazione del nuotatore come modello eroico e mitico.

Nel 1988 pubblicò un libro sulle riprese, durate 9 mesi, e nel 1989 fece uscire una nuova edizione di 55´ più lunga.

Tratto da Il Morandini 2007

Marni-commento: Per chi ama il mare, non ne concepisce la lontananza e ne subisce l’influenza ammaliatrice, ” Le grand blue” è un film cult in cui perdersi nella sterminata profondità, nella grande bellezza e nel grande mistero che il mare rappresenta.

Impossibile non lasciarsi prendere dal richiamo delle sirene e dei delfini che Besson fa emergere come sogni dagli abissi, e non farsi catturare dalla musica di Eric Serra che scivola sulle immagini e ne diventa parte.

Notevole la forza visiva ed estraniante dei Sogni di Jacques Mayol in cui onde e delfini invadono i limiti della stanza restituendolo al mare.

Scienza, razionalità e verosimiglianza vanno lasciate da parte mentre ci si riempie gli occhi del grande blu che meraviglia ed attrae e che, come una forza, attira, richiama (ed infine inghiotte) i due protagonisti.

Un vero film d’amore e di sogni (che per loro natura son misteriosi) dove non ci sono ragioni o perchè, solo l’omaggio melodioso ed appassionato nei confronti della vastità del mare e del viaggio di ogni eroe che vi si immerge per amore. Fantastico, appassionato, ammaliante.

Vedi il video con il sogno dei delfini

Ascolta il tema musicale de “Le grand blue”

Acquista online


>

Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida