Questo sito contribuisce alla audience di

Giovanni Boccaccio e i sogni 9

A voi non è stato occulto l'ardente amore che io ho a Biancifiore portato e porto, della quale, oggi, dormendo io, mi furon mostrate dalla santa Venus di lei dolorose cose...

boccaccio sogniTratto da: Filocolo
Edizione: a cura di Antonio Enzo Quaglio, Milano, Mondadori, 1998
capitolo: II,44 p. 132
anno di composizione 1336-1338 ca
Sogno e interpretazione di Florio

[…] A voi non è stato occulto l’ardente amore che io ho a Biancifiore portato e porto, della quale, oggi, dormendo io, mi furon mostrate dalla santa Venus di lei dolorose cose: però che io stando con lei sopra a Marmorina in una oscura nuvola, vidi chiamare la mia semplice giovane, e porle uno avvelenato paone in mano, e vidiglielo portare per comandamento altrui alla reale mensa ove voi sedevate; e dopo questo vidi e udii il gran romore che si fece, aveggendosi la gente dello avvelenato paone, e lei vidi furiosamente mettere in uno cieco carcere; e ancora dopo lungo consiglio vidi scrivere il processo della iniqua sentenza, che dare si dee domattina contra di lei. E queste cose tutte vedeste voi, né me ne dicevate niente. Ma io ne ringrazio gl’iddii che mostrate le m’hanno, e datomi ero aiuto e buono argumento a resistere alla crudel sentenza e ad annullarla, sì com’io credo fare con questa spada in mano, la quale Venere mi donò per la difensione di Biancifiore. […]


Leggi un altro sogno di Giovanni Boccaccio


Indietro