Questo sito contribuisce alla audience di

L'inferno dei sogni

Nei sogni l'inferno può rappresentare la polarità opposta alla luce, al bene, al Paradiso, al conscio e collegarsi allora al tormento che il sognatore sta vivendo in qualche ambito della sua vita, al senso di colpa rispetto a qualche azione commessa, alla relativa espiazione o all'allontanamento da Dio.

autoritratto all inferno sogni munchNon c’è luogo o situazione che abbia, nell’accezione comune, una connotazione più negativa dell’inferno allorchè compare nei sogni.

Anche quando non sia sogno di credenti che lo conoscono come luogo di pena e castigo, l’inferno appare come oscuro recesso a cui l’angoscia e la paura sono associate.

Un mondo sotterraneo, invisibile e senza uscita, perso nelle tenebre, popolato di dannati e demoni, oppure congelato nel ghiaccio e nel silenzio, come avviene nelle saghe della mitologia nordica. Questo suo isolamento e profondità, questo suo essere vicino al mondo diurno, ma sostanzialmente antitetico, lo rendono simbolo degli inviolati abissi inconsci che suscitano timore ed incognite o che sono legati a segreti inconfessabili.

Quando si parla dell’ “inferno personale” ci si riferisce appunto a questa sensazione di pena e sofferenza o alla cruda visione degli aspetti di se’ meno civilizzati e più selvaggi.

Nei sogni l’inferno può rappresentare la polarità opposta alla luce, al bene, al Paradiso, al conscio e collegarsi allora al tormento che il sognatore sta vivendo in qualche ambito della sua vita, al senso di colpa rispetto a qualche azione commessa, alla relativa espiazione o all’allontanamento da Dio.

Così come può essere diretta immagine di un Super-io o di un critico interiore molto attivi che giudicano e condannano senza appello (prigione, tribunale, inferno sono tutte immagini predilette da questi Se’ quando si manifestano nei sogni).

Sognare l’inferno può legarsi anche al tormento amoroso, a difficili situazioni familiari, o rappresentare un percorso doloroso ma necessario, una sorta di viaggio iniziatico che confronta il sognatore con la paura e la solitudine dell’avanzare e crescere vivendo l’archetipo delleroe .

Trovo molto interessante anche la visione dello psicoterapeuta tedesco Paul Diel che nel suo saggio Il simbolismo nella mitologia greca( Ed. Payot Parigi. 1952-1966) paragona l’inferno (Ade, il Tartaro) al meccanismo psichico della “rimozione” .

Questo significa che l’inferno si configura come immagine della lotta o della mancata accettazione dei propri “mostri” interiori ( istinti e pulsioni che sono in antitesi con l’opera di “civilizzazione” del proprio ambiente), e di una conseguente rimozione che li vuole o allontanati e sprofondati nell’inconscio.

Così l’inferno non è il luogo in cui in cui questi aspetti rinnegati vengono ricacciati, ma è il processo che li rimuove, l’energia psichica che li combatte. E che con le immagini e le sensazioni “infernali” dilagherà nei sogni per mostrare la crudeltà di tale drastica e dolorosa operazione.

Se vuoi saperne sempre di più sul mondo dei sogni iscriviti alla newsletter della Guida: http://guide.dada.net/sogni/index_newsletter.shtml


Marzia Mazzavillani Copyright © Vietata la riproduzione totale o parziale del testo

Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • valerio

    20 Nov 2008 - 19:33 - #1
    0 punti
    Up Down

    io ho sognato l’inferno ma ero io da solo vestito di nero con gli occhi di colore rosso è camminavo inmazzo ha scheletri di persone che conoscevo ed in un ceto punto mi ha detto me stesso di liberarlo è che un giorno io sarò malvaggio è porterò il mondo nella sua distruzzione , ma la cosa più starnaa che mi sono accorto è che le mie mani erano di colore nero con disegni dorati tipo il gioco pince of persia i due droni.
    grazzie di avermi ascoltato mi sono anche accorto che nella vita reale questa parte di me prende posesso ogni volta che mi arrabbio ma poche volte nn riesco ha controllarmi vi pre3go datemi una risposat nn sono pazzo ma voglio solo liberarmi da questa parte

  • Marni

    21 Nov 2008 - 08:55 - #2
    0 punti
    Up Down

    Buongiorno Valerio, chiedo a te, come a tutti gli altri che scrivono sogni negli spazi riservati ai commenti, di utilizzare, per avere il mio parere, l’apposita rubrica “Interpretazione dei sogni” che si trova fra le categorie e di seguire l’iter che ho approntato per questo servizio. Questo spazio in cui hai scritto è riservato ESCLUSIVAMENTE ai commenti all’articolo…grazie ! buona giornata Marni