Questo sito contribuisce alla audience di

Sogni ed incubi sullo schermo

Fantascienza che diventa realtà: sogni ed incubi, pensieri ed immagini proiettabili sullo schermo di un computer.

sogni incubi schermo

Fantascienza che diventa realtà: sogni ed incubi, pensieri ed immagini proiettabili sullo schermo di un computer.

La notizia, che avrà ampia risonanza, riguarda la recente scoperta da parte di un gruppo di ricercatori giapponesi, di una tecnologia che permette di visualizzare ciò che accade nella mente umana. Gli scienziati dell’ATR Computational Neuroscience Laboratories, guidati da Yukiyasu Kamitani, ricercatore del laboratorio e docente al Nara Institute of Science and Technology, sono partiti dal rapporto fra ciò che l‘occhio vede e che si imprime nella retina, e gli impulsi nervosi che da questa arrivano alla corteccia cerebrale, trovando poi il modo di ricostruire le immagini.

Gli esperimenti fatti con un gruppo di volontari hanno dato risultati sorprendenti, a tutti venivano mostrate le lettere che compongono una parola e, con il metodo messo a punto, si riusciva a ricostruire la stessa parola sullo schermo del computer.

Questo porta a pensare che, perfezionando questa scoperta, ogni percezione interna individuale possa essere “catturata” e ricostruita, anche i sogni e gli incubi, anche i pensieri ed i desideri più segreti, come hanno affermato gli scienziati.

Se la prospettiva risulta affascinante e di grande impatto popolare, perchè echeggia temi fantascientifici trattati anche in film come “Strange days” e “Brainstorm” e può apparire di probabile utilità in in caso di malattie, disturbi mentali e incubi da stress post traumatico (PTSD), è facile che un campanello d’allarme risuoni in noi al pensiero di come l’intimo e segreto spazio che alimenta il pensiero possa essere scandagliato e raggiunto con tanta facilità. Lasciandoci vuoti ed esposti come robot di cui è possibile visionare anche l’interno.

In realtà sogni e pensieri attengono a processi ben più complessi che una semplice immagine vista e riprodotta, per cui forse le speranze dei ricercatori sono irrealistiche o, come spesso accade, espresse ed usate come richiamo mediatico.

Tuttavia c’è da domandarsi come potrebbe essere l’esperienza di registrare e poi rivedere i propri sogni e se le emozioni provate durante il sogno stesso coinciderebbero con quelle provate durante la visione diurna o se, al contrario, la coscienza vigile e la razionalità prevalente dello stato di veglia, avrebbero di potere di appiattirle e svuotarle di ogni potere.

Mentre le persone come me si pongono questi ed altri interrogativi, gli scienziati continuano con le loro ricerche attratti da un tema come quello dei sogni che non manca di colpire ed incuriosire gli ambienti scientifici e non, pubblicando i risultati finora raggiunti sulla rivista americana”Neuron”.

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: Sogni sullo schermo

Sogni sullo schermoSogni sullo schermoSogni sullo schermo

Sogni sullo schermoSogni sullo schermoSogni sullo schermo

Sogni sullo schermoSogni sullo schermoSogni sullo schermo

Sogni sullo schermo