Questo sito contribuisce alla audience di

Sognare un albero di Natale abbandonato

Cara Marni, nei giorni precedenti il Natale ho sognato un albero di Natale, con le pigne e alcune palline colorate, ma non c’erano luci, sembrava abbandonato in mezzo al corridoio...

albero natale sogni

Cara Marni, nei giorni precedenti il Natale ho sognato un albero di Natale, con le pigne e alcune palline colorate, ma non c’erano luci, sembrava abbandonato in mezzo al corridoio, ed aveva un’aria triste. Poi ho visto il letto matrimoniale dei miei genitori ben ordinato. I miei genitori erano seduti a tavola tranquilli e rilassati e facevano colazione parlando del più e del meno. Nella realtà in questi giorni continuano a litigare per stupidate, odiando il Natale e tutte le feste che lo accompagnano. Tante volte è difficile essere genitori, ma lo è altrettanto essere figli….perchè non si finisce mai di essere figli, anche se si è sposati e con bambini. (M.- R.Calabria)

Mi pare un sogno direttamente collegato a quello che tu senti rispetto ai tuoi genitori, infatti quest’albero di Natale triste ed abbandonato (non dici in quale corridoio si trovi ..forse la casa dei tuoi genitori?) sembra rappresentare la mancanza del senso di festa, di attesa, di atmosfera festosa e natalizia che tu avverti nei tuoi genitori che ti dispiace e ti condiziona.

Mentre il letto matrimoniale ordinato ed i genitori seduti a tavola rilassati e tranquilli possono rimandare al tuo bisogno di sicurezza e tranquillità, di spazi e momenti in cui ci sia armonia e tempo per comunicare e confrontarsi amorevolmente.

Molto probabilmente in questo particolare momento dell’anno questo tema emerge in te con forza maggiore ed il tuo desiderio di calore e di unione familiare, che il Natale alimenta, si scontrano con i litigi dei tuoi genitori.

Forse per te questo è destabilizzante e ti riporta a paure ed incertezze infantili e si manifesta poi nei tuoi sogni.

E’ vero quello che dici dell’essere figli, ma vero pure il contrario: non si finisce mai di essere genitori, anche quando i figli hanno figli a loro volta…non è così? Un caro saluto e tanti auguri Marni

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida