Questo sito contribuisce alla audience di

Umberto Galimberti e il segreto dell'identità

Un articolo di Umberto Galimberti sulle origini dell'IO e dell'identità personale come sistema dinamico, elastico e permeabile alle mille sollecitazioni della vita, contrapposto al determinismo scientifico- fisiologico della ricerca, che individua in un'area dei lobi fronto-temporali la sede e l'origine dell'io.

segreto identità

Questo articolo di Umberto Galimberti, pubblicato su Repubblica del 9 maggio 2001, è stato scritto come risposta e velata polemica ad uno studio sulle origini fisiologiche dell’Io, ovvero della propria identità.

Ed è per me l’occasione per riproporre, ancora una volta, seppur espresso in forma diversa, il concetto di molteplicità della psiche che costituisce le basi del Voice Dialogue e della Psicologia dei Sè, e che si manifesta anche nei sogni.

Le personalità latenti di cui parla Galimberti, vengono a coincidere con gli aspetti rinnegati e la personalità egemone che prende il sopravvento sulle altre personalità presenti alla nascita corrisponde ai Se’ primari.

“Sembra che la scienza riscuota i suoi maggiori successi di pubblico quando fa incursioni in terra filosofica, dicendo magari, come riferivano qualche mese fa i giornali, di aver trovato la localizzazione dell’anima, o come dicono oggi un gruppo di ricercatori dell’Università di San Francisco, di aver individuato nei lobi fronto-temporali l’area del cervello che controlla la nostra identità, il nostro profilo personale, lo stile della nostra vita.

“Noi pensiamo alla nostra identità - dicono i neurologi americani - come a qualcosa determinato da noi, mentre è un processo anatomico simile agli altri”. Se le cose stanno così, allora dobbiamo dire che questo processo anatomico funziona malissimo, perché l’identità che dovrebbe controllare non è una cosa che esiste, ma una costruzione a cui ogni giorno ci dedichiamo, nel tentativo di rintracciare in noi una continuità che ci renda riconoscibili a noi stessi oltre che agli altri.

La psichiatria del primo Novecento con Bleuler, Jung e i loro studi sulla schizofrenia, aveva ipotizzato che questa sindrome, che manifesta una dissociazione della personalità, non fosse, come fino allora si credeva, una “degenerazione” del nostro Io o, se si preferisce, della nostra identità, ma fosse la condizione in cui ciascuno di noi nasce e che si conserva latente anche dopo la costruzione del nostro Io. In altri termini noi nasciamo come una moltitudine di personalità di cui una diventa egemone, e quella noi chiamiamo nostra identità o più semplicemente Io.


La nascita dell’Io
non sopprime le altre personalità latenti. Queste continuano ad avere una loro vita sotterranea e una di loro può sempre prendere il sopravvento sull’Io e governare, a tratti, il nostro modo di essere al mondo. Per farne esperienza non è necessario cadere in una crisi schizofrenica, è sufficiente drogarsi, o bere un bicchiere di troppo, per sentirci dire all’indomani da chi ci conosce: “Ieri sera non eri più tu”, che tradotto significa: la tua identità è stata sommersa e al suo posto ne è subentrata un’altra che ti ha fatto dire cose che non sono da te e fare azioni che normalmente non fai.

Dunque l‘identità è qualcosa di precario, di fragile, che necessita di un continuo soccorso, perché se dovessimo essere davvero “noi stessi”, ci abbandoneremmo all’aggressività, alla sessualità, alla dolcezza, alla disperazione, non appena le circostanze ci invitano. Che cos’è allora l’identità? Una struttura di controllo che cerca ogni giorno di tenere a freno tutte le altre nostre latenti identità, in modo da consentire a noi di riconoscerci abbastanza identici a noi stessi, e agli altri di riscontrare la nostra identità, in modo da rendere possibile quei rapporti fiduciari su cui si fondano le relazioni sociali.

Che cosa significa allora scoprire l’area del nostro cervello che controlla la nostra identità, il nostro Io, o, come lo definiscono gli americani il nostro “Self”?

Significa scoprire l’area che ospita i freni inibitori. Niente di più e niente di meno di quello che la psichiatria del primo Novecento aveva ipotizzato e la psicoanalisi di Freud ampiamente descritto.

Capisco che gli scienziati non sono molto raffinati nell’uso delle parole filosofiche, ma dire che il nostro Io non è qualcosa determinato da noi bensì un processo anatomico del cervello significa negare quell’evidenza che è l’uso quotidiano della nostra libertà.

L’identità la perdo e la recupero ogni giorno sollecitato dalle circostanze della vita, e in questa capacità di perdere e di recuperare c’è tutto il gioco della mia libertà, che è poi un gioco di maschere che rende l’uomo adattabile alle mille situazioni diverse della vita. Qui cade la differenza tra l’uomo e l’animale che non è libero.

Spero che gli scienziati, nel loro furore deterministico, non ci tolgano la differenza che ancora sembra distinguere l’uomo dall’animale, una differenza che non è da ricercare tanto nelle regioni dello spirito, quanto nell’imprecisione della materia, nella scarsa codificazione istintuale dell’uomo che, invece di essere fissato in un’identità rigida.

Non per disperazione, infatti, ma per celebrare la libertà umana Nietzsche poteva dire: “Dammi ti prego una maschera, e un’altra maschera ancora“. In questo modo Nietzsche definiva la nostra identità come disponibilità, più o meno sciolta, a indossare maschere, per essere più armonici con le situazioni più diversificate della vita.”


Rassegna stampa Swift filosofia

Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: Maschere, identità, sub-personalità

IO, maschere, identità, sub-personalità IO, maschere, identità, sub-personalità IO, maschere, identità, sub-personalità

IO, maschere, identità, sub-personalità IO, maschere, identità, sub-personalità IO, maschere, identità, sub-personalità

IO, maschere, identità, sub-personalità IO, maschere, identità, sub-personalità identitÃ

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni