Questo sito contribuisce alla audience di

Sunshine

Impossibile non farsi coinvolgere dal clima claustrofobico e dalla paranoia dei sogni ricorrenti che tormentano l’equipaggio. “Brutto sogno? Fammi indovinare, la superficie del sole? Ogni volta che chiudo gli occhi sogno quello…”

sunshine locandinaRegia: Danny Boyle
Titolo: Sunshine
Protagonisti: Cillian Murphy, Chris Evans, Rose Byrne, Michelle Yeoh.
Anno: 1978
Genere: Fantascienza
Durata: 108′
Produzione: Gran Bretagna

Brani della recensione di Lietta Tornabuoni pubblicati su La Stampa del 20 aprile 2007, presentano l’atteso film di fantascienza Sunshine. Film nel quale i sogni dei protagonisti riflettono il loro destino ed una sorta di sacrificio risanatore alla “divinità solare” morente.

“Tra 50 anni il sole sarà sul punto di spegnersi, e non fornirà più l’energia e la luce necessarie all’umanità per sopravvivere. La comunità mondiale invia una missione nello spazio: gli otto astronauti e scienziati debbono far esplodere sul sole una bomba che restituisca vita alla parte più affievolita dell’astro: creeranno una stella dentro una stella.

L’ambizione del film (niente affatto appagata) sarebbe quella di esplorare l’inconscio dell’uomo che viaggia nello spazio profondo: analogo è il desiderio del regista Danny Boyle (Trainspotting, Millions, 28 giorni dopo, The Beach)…..

Oscillante fra la imitazione della gelida meravigliosa 2001 Odissea dello spazio di Stanley Kubrick (1968) e l’imitazione del magnifico, nebbioso, spirituale Solaris di Andrei Tarkovski (1979), due tra i più bei film di fantascienza del secolo scorso, Sunshine è privo di storia e di vere avventure: semplicemente, ci si avvicina alla morte, già prevista e accettata, ci si approssima al sole che arde gli uomini.”

Marni commento: Film di grande impatto visivo, in cui la luce solare si espande ad invadere lo schermo. Impossibile restare indifferenti alle scene in cui i protagonisti si lasciano ammaliare ed avvolgere dalla luce, impossibile sottrarsi alla ipnotica attrazione che questa esercita sui personaggi: “….tu e l’oscurità siete separati l’uno dall’altra perché l’oscurità è assenza di qualcosa, è un vuoto. La luce, al contrario, ti avvolge. Diventa parte di te.”

Facile invece lasciarsi coinvolgere dal clima claustrofobico e dalla paranoia dei sogni ricorrenti che tormentano l’equipaggio. “Brutto sogno? Fammi indovinare… la superficie del sole? Ogni volta che chiudo gli occhi sogno quello…”

Sogni in cui il sole domina, e l’inconscio umano pare modificarsi per fondersi con questa sua luce. La storia è il pretesto per un’immersione nell’ignoto universo e nell’energia della nostra stella che riecheggia il tema catastrofico, ma che più facilmente fa riflettere sul mistero e sulla precarietà della vita. Spaventoso. Accecante. Ammaliante.

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: Immagini e locandine di Sunshine

Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine

Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine          Immagini e locandine del film Sunshine

Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine

Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine Immagini e locandine del film Sunshine

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni