Questo sito contribuisce alla audience di

Pubblicato il libro rosso di Jung

Occultato per 23 anni in una banca svizzera il Libro rosso di Jung, cuore pulsante della sua ricerca più intima e sofferta e specchio del suo percorso di individuazione, è stato finalmente pubblicato.

libro rosso di jung

Il libro rosso di Jung: The red book (detto anche Liber novus ) è stato finalmente pubblicato nella sua forma integrale. Dopo essere stato chiuso per ben 23 anni in un caveau svizzero per volontà degli eredi, è ora edito in America in parallelo alla mostra celebrativa “The Red Book of C.G. Jung. Creation of a New Cosmology” aperta al Rubin Museum of Art di New York in cui è esposto per la prima volta il tomo originale.

Interessante ripercorrere la storia di questo fantomatico volume in cui Jung ha riversato sogni, fantasie, immagini, dialoghi ed “esperimenti” con se stesso, in cui si evidenziano i temi centrali del suo pensiero e che per la bellezza e la varietà delle immagini precorre il Libro dei sogni di Fellini.

Dopo una serie di visioni talmente realistiche e premonitrici da indurlo forse a ricercarne un senso con la scrittura, aveva iniziato ad annotare ciò che accadeva dentro di sè, registrandone le conseguenze, analizzando il processo e la nascita di nuovi pensieri.

Sono forse questi aspetti visionari che costituiscono le più importanti documentazioni di immaginazione attiva junghiana, ad aver indotto i suoi eredi ad un assoluto riserbo sul contenuto del Libro rosso di Jung. Forse il timore che uno dei pilastri fondatori della psicoanalisi venisse ridicolizzato, contestato o considerato una specie di schizofrenico.

In realtà le registrazioni accurate del Libro rosso di Jung sono un vero e proprio esempio di “sub-personalità” e Sè psichici in azione, a cui non viene negata la possibilità di esprimersi, che sono incoraggiati ad emergere e “parlare”. Veri e propri personaggi di sogni e visioni, sempre più definiti con i quali Jung dialogava, che analizzava amplificandone l’energia, allo scopo di sperimentare, formulare nuovi concetti psicologici e ricercarne l’origine archetipica.

Tutto questo questo materiale fu trascritto in caratteri gotici da Jung stesso su un tomo rilegato in pelle rossa, e ornato da fregi, capoversi decorati e disegni sul modello dei manoscritti medioevali: questo divenne il Libro rosso di Jung.

Secondo Sonu Shamdasani uno dei maggior studiosi di Jung e della sua opera, il Libro rosso di Jung costituisce uno strumento importantissimo per comprenderne il pensiero e studiare la genesi delle teorie psicologiche che hanno influenzato tutto il xx secolo.

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: Immagini del Libro rosso di Jung

Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung

Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung

Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung

Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di Jung Immagini del Libro rosso di JungImmagini del Libro rosso di Jung

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • galloway

    19 Oct 2009 - 10:15 - #1
    0 punti
    Up Down

    Complimenti per l’articolo e per la bellissima Documentazione fotografica : Informazione e “Buon gusto” .

    Grazie per il gentile commento..un caro saluto marni :-)