Questo sito contribuisce alla audience di

L'influenza AH1N1 e la storia dei vaccini

La ricerca dello scrittore e giornalista Raffaele Mangano sull'influenza AH1N1 che ho il piacere di pubblicare è una vera e propria "storia dei vaccini", dalla produzione alla loro diffusione, che muove diverse perplessità.

influenzaAH1N1

Come ho già preannunciato nel mio articolo AH1N1 l’influenza delle bufale il clima che si è creato in Italia in relazione al fenomeno pandemia ed alle notizie che vengono dai media, è improntato alla confusione ed all’ incertezza, spesso alla paura, e purtroppo anche alla sfiducia.

Si teme per la propria salute e per quella dei propri cari, le notizie che arrivano sono spesso contrastanti, ma il bombardamento mediatico non lascia tregua. Ed il solo fatto di citare giornalmente l’influenza AH1N1 in ogni programma di informazione radio televisiva, invece di rassicurare non fa che rinfocolare tali timori.

Fra tante voci e tante testimonianze su questo tema e sulle vaccinazioni di massa che si stanno profilando, ho il piacere di pubblicare la relazione di Raffaele Mangano, scrittore e giornalista che, con molta serietà e neutralità, ha redatto un elenco di fatti inconfutabili, lasciando al lettore il compito di trarre le sue conclusioni.

IL VACCINO

Talvolta si tira un filo e ci si accorge che tutto ciò che affiora ha una inquietante legame, e ogni fatto alla fine compone una sola unica vicenda. La osservi nel suo insieme e ti fai un’idea. Che ti appare granitica, inattaccabile. Poi ci pensi e ti dici: ma forse sono io che ho disegnato l’evento perché lo volevo vedere così.

Dunque io non farò commenti. Scrivo solo una sorta di cronaca. Il più scarno possibile. E non ne trarrò conclusioni. Ognuno si faccia un’idea e, se ha voglia e tempo, cerchi altri riscontri.

  • Dopo mesi di allarmi in tutto il mondo e ampio risalto su tutti i mezzi di informazione, all’inizio dell’estate si ventila la possibilità di creare un vaccino contro il virus chiamato H1N1. Si parla di una prossima ventura “pandemia”.
  • L’OMS “consegna” l’ 11 giugno il ceppo. Viene stimato almeno un trimestre per produrre un vaccino in laboratorio e si ipotizza il 30 settembre come data probabile per avere il farmaco pronto.
  • durante l’estate il bombardamento mediatico in tutto il mondo è incessante e si ipotizza la vaccinazione di massa-
  • a metà agosto, a sperimentazione ancora in corso, il Governo italiano firma una convenzione con la Novartis per la consegna di 24 milioni di dosi al costo di 184 milioni di Euro
  • il 2 settembre il vice-ministro Fazio annuncia che il picco dell’influenza avverrà tra il 18 dicembre e il 18 gennaio e che per fine novembre saranno disponibili i vaccini acquistati


Situazione a oggi giovedì 12 NOVEMBRE

  • Novartis annuncia di poter consegnare solo 5 milioni di vaccini entro la scadenza di Novembre. Gli altri 19 milioni saranno prodotti gradualmente spostando la scadenza delle ultime consegne a fine marzo.
  • L’istituto superiore della sanità rende noto che l’ influenza è in anticipo rispetto alle previsioni e il picco avverrà a cavallo tra metà novembre e metà dicembre, rendendo così inutili le successive consegne di vaccini

Solo ieri, mercoledì 11 novembre, il CODACONS ha ottenuto dal ministero il testo integrale del contratto con Novartis , dopo 60 giorni di inutili tentativi e pressione dei legali dell’associazione.
Nell’accordo, tra le altre cose, si legge che:

  • non ci sono penali per ritardi di consegna del vaccino
  • eventuali danni saranno da valutare a carico del ministero
  • non ci sono penali per difetti di fabbricazione

Inoltre al tempo della sottoscrizione non poteva essere garantita l’efficacia del vaccino né la sua autorizzazione alla somministrazione al pubblico.

La Corte dei Conti (che doveva autorizzare il pagamento) ha individuato irregolarità e procedure inusuali, ma ha deciso di soprassedere dai rilievi per “ l’eccezionalità della situazione”.

PERICOLI DELL’ INFLUENZA H1N1

I pareri sono contrastanti e non ci sono certezze. Esiste però lo studio del professor Tom Jefferson del Cochrane Institute, uno dei maggiori esperti mondiali, che fa una semplice riflessione: la diffusione dell’influenza è già avvenuta nell’altro emisfero. In Australia l’inverno è alla fine e le vaccinazioni non sono state fatte (il vaccino non era pronto). Ci sono stati 131 morti a causa del virus, su una popolazione di 22 milioni di persone. L’influenza dello scorso anno ne causò 2623. In Brasile sta avvenendo la stessa cosa: 600 decessi a fronte dei 15.000 stimati sulla base degli anni passati.

IL COADIUVANTE.

Il vaccino somministrato in Italia contiene l’immuno-coadiuvante MF59
Il coadiuvante aumenta la risposta immunitaria alla vaccinazione e questo ha come primaria conseguenza il fatto che ogni dose di vaccino necessiti di una quantità inferiore del vaccino stesso, con un conseguente aumento delle dosi a parità di vaccino disponibile. L’MF59 non è altro, quindi, che la risposta della Novartis alle necessità del mercato.

Negli Stati Uniti è stata espressamente vietato l’uso del MF59 per precedenti esperienze fatte sui militari. Quindi i vaccini americani della Novartis non contengono il coadiuvante, in Italia sì.

EFFICACIA

Anche qui c’è una sarabanda di dichiarazioni contrastanti. I consulenti e i dirigenti del Ministero della Sanità hanno pareri diversi da altri studiosi e medici esperti in materia. Non vi sarà difficile esplorare su internet.
Non sono un medico e mi astengo da giudizi che non mi competono. Rilevo solo che la stragrande maggioranza dei medici italiani NON si sono vaccinati, pur avendo la priorità e la disponibilità del prodotto.

CURIOSITA’

L’ Organizzazione Mondiale della Sanità ha abbassato i criteri di classificazione delle pandemie (fissato nel 2003), giusto prima della diffusione dell’attuale influenza. Con i criteri esistenti nel sito della OMS prima del 1/5/2009 la pericolosità del virus H1N1 sarebbe di gran lunga più bassa.

Ringrazio caldamente Raffaele Mangano per avermi concesso di pubblicare questa relazione che ci fa riflettere sulla realtà dell‘influenza AH1N1 ed sul relativo vaccino anti virus AH1N1.

E per concludere la rassegna che sulla Guida Sogni un po’ forzosamente ho creato per dare il mio contributo all’informazione sull’‘influenza AH1N1, vi presento qualcosa di più corposo e “emotivo”: “Domande e interrogativi a proposito della pandemia d’influenza H1N1″ che, a mio avviso, ben rappresenta i timori di tutti coloro che sentono manipolati in un ambito importante come è quello della salute.

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: L’influenza AH1N1 e i vaccini

L'influenza AH1N1 e i vaccini L'influenza AH1N1 e i vaccini L'influenza AH1N1 e i vaccini

L'influenza AH1N1 e i vaccini L'influenza AH1N1 e i vaccini L'influenza AH1N1 e i vaccini

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • dr. GPaolo Vanoli

    13 May 2010 - 14:51 - #1
    0 punti
    Up Down

    Come la mettiamo dopo che avrete letto cio’ che vi invio sulle le campagne vaccinali ?
    Controllate tutto quanto, e’ tutto documentato con argomentazioni e dimostrazioni medico scientifiche anche pubblicate, effettuate da medici e ricercatori qualificati. Inoltre, in Italia, nella sola UMBRIA, la ns associazione ha raccolto quasi 5.000 segnalazioni di autismo…e l’Umbria e’ una piccola regione a densita’ di popolazione minima….pensate quindi a quanti bambini autistici ci sono in Italia, proporzionalmente e rispettivamente siamo attorno ai 150.000 malati e forse piu….malati di disfunzioni dello sviluppo che portano all’autismo, per le ischemie (e non solo quelle) indotte dai vaccini ! e tutto cio’ senza contare le epilessie, allergie, asma, malattie respiratorie, gastrointestinali, autoimmunitarie, distrofie, leucemie, cancri, sclerosi,. sids, malformazioni, down, ecc. ecc.
    In sintesi ecco cosa provoca l’inoculazione di un qualsiasi Vaccino in un corpo umano od animale:
    E’ il principio vaccinale stesso (introduzione di sostanze eterologhe=estranee) che deve essere rimesso in totale discussione in quanto portatore, con le varie sostanze altamente tossiche ed invasive e quindi destabilizzanti, introdotte con qualsiasi vaccino, di:
    - ischemie (vedi qui sotto l’articolo con le foto dimostrative)
    - Intossicazioni per mezzo delle tossine contenute nei vaccini per mezzo degli adiuvanti, contaminanti (piu’ o meno occulti, inseriti per errore od intenzionalmente dal produttore - vedi Baxter) che sono sostante pericolose, cancerogene (es. formaldeide), nanoparticelle, porzioni di DNA eterologo=estraneo dei virus vaccinali=proteine complesse a DNA, ecc. si creano anche delle reazioni immunitarie innaturali
    - infiammazioni a livello cellulare, tissutale e successivamente organiche o sistemiche, generando malassorbimento e malnutrizione e con il tempo anche malattie degenerative anche in eta’ adulta.
    - immunodepressione od immuneccitazione che perdurano per tutta la vita del soggetto, se non utilizza la Medicina Naturale.
    - mutazioni genetiche mitocondriali - vedi Universo Bambino - le mutazioni genetiche identificabili, sono trasmissibili alla prole.
    - alterazione del metabolismo cellulare, ciclo di Krebs, e quelle del pH del citoplasma, con immediate alterazioni delle funzioni cellulari (sintesi delle proteine e duplicazioni del dna) per lo stress ossidativo indotto, che puo’ divenire il piu’ importante fattore di destabilizzazione nutrizionale.
    - malnutrizione cellulare e corporea

    …insomma qualsiasi malattia puo’ essere indotta dai vaccini, grazie a Big Pharma ed ai medici vaccinatori !
    Visionare questo sito in English (con le citazioni bibliografiche)

    vedi anche: Vaccinazioni Pediatriche (dott. R. Gava, medico) + Danni Biologici dai Vaccini (dott. M. Montinari medico) + Danni neurologici dai Vaccini ….e cio’ grazie a Big Pharma + Big Pharma 2

    vedi anche il Meccanismo delle Mutazioni cromosomiche - cercare in questa pagina : Aberrazioni Cromosomiche + Meccanismi delle Mutazioni al DNA cellulare (del mitocondrio)

    http://www.mednat.org/vaccini/dannivacc.htm
    Dr. G. Paolo Vanoli – Giornalista specializzato in Sanita’ da 40 anni – Consulente in Scienza della Nutrizione e Medicine Naturali – info@vanoli.net


    GEnt.mo dottor Vanoli Lei non deve proprio convincerci…ha letto l’articolo sopra ? mi pare che stiamo dicendo le stesse cose, inoltre questo è uno spazio riservato ai commenti non agli articoli altrui… non fosse che sono convinta sia necessario diffondere questi dati , avrei cancellato tutto quello che ha inserito…..quindi la prego di non abusare ancora di questo spazio. saluti Marni

  • piero battaglia

    18 Oct 2010 - 16:03 - #2
    0 punti
    Up Down

    Carissimi, sono un medico specialista in malattie infettive ed esperto in vaccinazioni.
    Mi sono documentato, in questi anni, sui vaccini e le vaccinazioni, per tenere corsi sia a personale sanitario che alla popolazione generale, a scopo sia didattico sia divulgativo.
    Sono d’accordo che, citando altri, “la campagna di vaccinazione sulla AH1N1 è stata la risposta sbagliata ad un problema inesistente” e ne tengo debitamente conto nei miei corsi, così come nei miei corsi mi permetterò di citare (con le relativa fonte, ovviamente) i dati contenuti nel vostro articolo.

    Tuttavia, come medico specialista ed esperto in vaccinazioni, nonché informato e di mente aperta - spero (ho anche tenuto la parte di “avvocato del diavolo” antivaccinatore, per quanto possibile)- non posso essere d’accordo su tutto quanto da voi scritto. I vaccini sono una conquista dell’umanità, hanno permesso di salvare moltissime vite e di impedire danni come le paralisi da polio (anche se i vaccini stessi, in mano ad incoscienti, hanno fatto danni!!); l’autismo non è stato riconosciuto come causato dalle vaccinazioni, su studi condotti su vaste aree di popolazione; tutti i farmaci possono avere effetti collaterali dannosi, ma, se è per questo, ho visto morire persone per aver mangiato una pesca o per essere stati punti da un’ape o - ahimè - per aver ricevuto penicillina (sostanza ricavata da funghi, quindi, tutto sommato, “naturale)…Non per questo dobbiamo abolire le pesche o le api o la penicillina (che, mi pare, abbia salvato un po’ di vite anch’essa).
    Insomma, per farla breve (troppo tardi, lo so), non demonizziamo tutto senza conoscerlo perfettamente. Il vostro articolo mi è piaciuto comunque molto e ne analizzerò le parti su cui non ho una conoscenza completa).
    Grazie ancora per il vostro spazio. Rimanendo a Vostra disposizione, vi invio cordiali saluti, come si suol dire.
    Un medico…

    Gentile Dott. Piero grazie per aver scritto e per tutte le sue interessanti argomentazioni che sono felice di aver suscitato con questo controverso articolo. Sono temi importanti, ed è importante che ci siano persone di “buona volontà” ad occuparsene ed a fare informazione. Tutte le cose da lei dette sono vere, ed è sempre importante non perdere di vista il buon senso e l’equilibrio, ma è vero anche che la malafede, a livello di istituzioni governative che dovrebbero essere di tutela per il cittadino, è diventata la norma. Per cui è meglio tener gli occhi aperti e contare sul proprio giudizio. La ringrazio di cuore ..un caro saluto Marni