Questo sito contribuisce alla audience di

Paolo Conte "Sonno elefante"

Dall'album Elegia del 2004, "Sonno elefante" di Paolo Conte ci offre un'immagine di sonno che ci conduce, anche senza nominarlo, nel territorio dei sogni. Ed anche l'evocato elefante diventa metafora non di pesantezza, ma di straniamento, di dolce allontanarsi della coscienza, delle fantastiche, desiderate, preziose sensazioni del sonno.
Testo video e gallery per celebrare, con questo grande artista, l'inizio del 2010.

paolo conte

Sonno lontano
vieni qui
rimani vicino a me
fammi volare
tra le montagne
sopra le dune
senza guardare
senza pensare più
senza capire più
sonno gigante
sonno elefante
distenditi quassù

Sonno patriarca meraviglioso
arcaico nuoto nell’acqua cupa
sonno munifico
tu sonno sei magnifico
cipria sull’aria che
vibra di magico

Mandarino sei profumato
e santo
desiderato davvero tanto
tutto dirupa
è friabile e desertico
sonno di nuvola
sonno di cupola
sonno lontano
vieni qui
rimani vicino a me
fammi volare tra le montagne
sopra le dune
senza guardare
senza pensare più
senza capire più
sonno gigante
sonno elefante
distenditi quassù.

Gallery: Foto di Paolo Conte

Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte

Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte

Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte

Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte Foto di Paolo Conte

Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni