Questo sito contribuisce alla audience di

Il sogno di Costantino

Il sogno di Costantino mirabilmente rappresentato negli Affreschi della Leggenda della vera Croce da Piero della Francesca, è stato definito dallo studioso Eric Dodds: “Il sogno più ricco di conseguenze della storia”(*) e resta come testimonianza storica del potere del sogno...

sogno di costantino paolo della francesca

Il sogno di Costantino, preceduto dalla visione del simbolo celeste da apporre sugli scudi dei suoi soldati prima della battaglia, fu considerato il segno della protezione divina e la conferma della scelta da fare.

Siamo nel l’ottobre del 312 DC la vigilia dello scontro con l’autoproclamatosi imperatore Massenzio, la cui sconfitta a Ponte Milvio, segnerà l’inizio di una nuova era. Dopo la vittoria Costantino sarà il nuovo imperatore.

Il Vescovo Esusebio di Cesarea nella “Vitae Costantini” racconta i fatti che ebbero luogo nel pomeriggio prima della battaglia. Dopo un momento di raccoglimento e preghiera, guardando il cielo, Costantino vide apparire vicino ad una croce, la frase divenuta famosa come vessillo della cristianità dall’antichità ai giorni nostri: “In hoc signo vinces” .

La notte stessa fece un sogno in cui Cristo in persona gli ordinava di adottare tale segno come simbolo durante la battaglia. Il Chi-rho, considerato il monogramma di Cristo, fece la sua apparizione sullo stendardo e sugli scudi dei guerrieri che uscirono vincitori dalla battaglia.

Al sogno di Costantino si attribuisce l’inizio del potere imperiale ed il processo che porterà alla sua conversione e al battesimo in punto di morte.

Esistono diverse versioni della visione e del sogno di Costantino in cui la portata spirituale è più o meno accentatura o la realtà dei fatti messa in dubbio.

Le tesi discordanti degli studiosi riguardo alla visione ed al sogno di Costantino, alla sua conversione alla fede cristiana mettono in rilievo l’ambiguità del personaggio, la cui volontà di esser considerato “prescelto dalla divinità” emerge in diversi ambiti della sua vita e del suo governo.

Non è nostro compito in questo sede confutare la veridicità di tali segnali o intenzioni spirituali, ma comprenderne il significato simbolico e la portata nella realtà del tempo, dal momento che tali segni e tali sogni fanno ormai parte della leggenda e dell’alleanza che Costantino strinse con la religione cristiana.

Alleanza che contribuì alla creazione, consolidamento e tutela del potere di quella che sarà la Santa romana Chiesa, scelta come base forte per il suo potere imperiale, o forse per reale convinzione religiosa.

Il sogno di Costantino mirabilmente rappresentato negli Affreschi della Leggenda della vera Croce da Piero della Francesca, è stato definito dallo studioso Eric Dodds: “Il sogno più ricco di conseguenze della storia”(*) e resta come testimonianza storica del potere del sogno, della sua credibilità, della sua funzione di “segno” e di ponte e fra l’uomo ed il divino.

(*)Pagani e cristiani in un’epoca di angoscia. Aspetti dell’esperienza religiosa da Marco Aurelio a Costantino, La Nuova Italia, 1993).

Marzia Mazzavillani © Opera protetta da licenza C.C.
Condizioni d’ uso del materiale pubblicato nella guida

Gallery: Il sogno di costantino

affeschi ed immagini del Sogno di costantino affeschi ed immagini del Sogno di costantino affeschi ed immagini del Sogno di costantino affeschi ed immagini del Sogno di costantino

affeschi ed immagini del Sogno di costantino affeschi ed immagini del Sogno di costantino affeschi ed immagini del Sogno di costantino