Questo sito contribuisce alla audience di

"L'interpretazione dei sogni" di Domenico Bumbaca

Un articolo sui sogni scritto dal Dott Domenico Bumbaca spazia fra significati, storia, metodologie di lavoro onirico, contribuendo ad una visione globale del tema interpretazione dei sogni.

interpretazione dei sogni

Mi piace segnalare in questa Guida sogni i contributi relativi ai sogni di altri professionisti, amici o colleghi. Oggi con piacere propongo all’attenzione dei lettori l’articolo “L’interpretazione dei sogni” scritto dal Dott Domenico Bumbaca psicologo e psicoanalista di Roma che gestisce lo Studio Bumbaca

L’articolo è lungo, completo e tocca i temi fondamentali dei sogni nella storia dall’antichità ai giorni nostri, e porta evidenza le differenze nella tipologie dei sogni ed il pensiero degli studiosi -interpreti di riferimento: Freud e Jung. Ne riporto alcuni brani e vi invito a leggere l’articolo completo:

“Cosa sono i sogni? Perché sogniamo? I sogni vanno presi sul serio o possono essere tranquillamente ignorati perché non hanno nessuna influenza sulla nostra vita, oppure hanno lo scopo di indicarci qualche percorso nuovo? Soddisfano qualche desiderio inconscio oppure compensano istanze psichiche trascurate?

L’uomo vive e agisce sulla base del significato che tende a dare alle cose, che possono essere vere, false oppure ipotetiche. Nel caso (estremo) del sogno, sappiamo che per la moderna neurobiologia (vedi oltre) è solo materiale di scarto privo di alcun significato, mentre ogni essere umano (vedi sotto) ci attribuisce dei simboli carichi di significati e ci riflette su questi grazie alle emozioni che tali attribuzioni suscitano.

Proviamo, a dare uno sguardo alla storia dell’uomo nel corso dei secoli e nelle differenti aree geografiche e cerchiamo di capire come è stato percepito, vissuto, accolto. Omero vi ha fatto cenno più di una volta, così come Dante, Shakespeare e moltissimi altri. Nella Iliade. “Uomini e Dei, parimenti piegano il capo al sonno sottomessi”.
In Egitto, secondo i più importanti studiosi di questa cultura e delle loro relative tradizioni, sono depositati i semi che poi furono i precursori della interpretazione psicoanalitica del sogno e nella antica Babilonia il sogno era considerato espressione peculiare della natura diabolica dell’uomo. Nell’antico Israele, il sogno indica l’espressione della volontà del DIO. L’oniromanzia fu la sola Arte Divinatoria non ripudiata dall ’Islam e per i Veda indiani, il sonno è elevato a tale dignità da situarsi come parte integrante della teoria generale dell’anima.
Facciamo un salto in Cina dove notiamo che letteratura abbonda di saggi sul sonno e sulle teorie del sognare. Certo, in Oriente, più che altrove, l’oniromanzia era figlia della filosofia: “I saggi durante il sonno non sognano, durante la veglia non pensano” recita una massima taoista. In ciò anticipando di 4mila anni i moderni psicoanalisti e psicofisiologi del sonno: i primi convinti che il pensiero nel sonno equivalga al pensiero della veglia e i secondi inclini a considerare il sonno comunque “funzionale” anche senza sogno (Mancia, 1998)……………………..

Ma che cos’è il sogno e qual’è la sua funzione? Per alcuni ricercatori esso è il guardiano del sonno, poiché difenderebbe il sonno dagli stimoli sensoriali (salvo quando superano una certa soglia); per altri, invece, più fisicisti, è una specie di attività cerebrale senza scopo, però molto utile alla fisiologia neurale. Tale ipotesi però si scontra con il fatto che le emozioni e le impressioni che il sogno suscita hanno molto significato e la sua interpretazione riveste molta importanza il sognatore. I neurologi non si occupano molto di questo aspetto, forse perché risulta il meno comprensibile alla scienza. Dobbiamo ammettere tuttavia, che il sogno ha un valore ed un significato psicologico, che si interseca e si correla con quello fisiologico. Da questo punto di vista, esiste una letteratura scientifica alquanto ricca – almeno, per chi accetta di considerare scientifica la psicologia di orientamento analitico.

E’ noto a tutti che sulla interpretazione dei sogni Sigmund Freud ha edificato il metodo di indagine psicoanalitico. Poco più di cento anni fa, nel 1899, egli dava alle stampe il libro omonimo, che costituisce il vero e proprio manifesto della psicoanalisi e del suo metodo. Con esso inizia la svolta nell’approccio allo studio e al trattamento dei disturbi nervosi e la nascita della psicologia clinica. Le libere associazioni sono alla base dell’interpretazione freudiana del sogno e poggia sulla concezione del sogno come manifestazione del desiderio, la cui espressione viene però mascherata dall’azione della censura onirica. Peccato però che per Freud il desiderio è essenzialmente di natura sessuale e la tecnica interpretativa freudiana risulta così riduttiva, poiché esclude ogni altro significato.

Un indirizzo alternativo e di più ampio respiro per una interpretazione dei sogni, e quindi più efficace per raggiungere la psicologia del paziente, lo ha dato Carl Gustav Jung, con la sua concezione di psicologia del profondo, non riduttiva alla sola sfera sessuale. Il metodo, tecnicamente, è in parte simile a quello freudiano, poiché anch’esso utilizza le libere associazioni. Se ne differenzia, invece, in quanto l’interpretazione si basa anzitutto sull’analisi del contesto, che comporta l’esame della struttura drammatica del sogno, la “storia” che viene raccontata; e inoltre poiché nella ricerca del significato delle immagini e dei simboli alle libere associazioni viene affiancata l’amplificazione, che consiste nella individuazione di similitudini e analogie tratte dalla vita spirituale dell’umanità intera, ossia dai miti e dalle leggende dei vari popoli, dalle fiabe, dalla letteratura. La ricerca del significato dei sogni, in questo modo, viene riportata alla dimensione globale dell’esistenza del sognatore, ai significati che egli vive interiormente e le esperienze che ha attraversato. La totalità della psiche viene così riconosciuta nell’articolazione dei valori e dei significati, e nella varietà dei sentimenti e delle emozioni attraversate.” Continua a leggere l’articolo >>>>



Se hai letto questo articolo potrebbe interessarti anche:

  1. Umberto Galimberti ed i l segreto dell’identità
  2. Un articolo di A.Romano: riprendere Jung
  3. La cibernetica applicata al sogno di P.M.Clemente
  4. Hal e Sidra Stone: sogni : il linguaggio dimenticato di Dio


Vedi tutte le altre Gallery della Guida Sogni