Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

  • Pubblicato il libro rosso di Jung

    Occultato per 23 anni in una banca svizzera il Libro rosso di Jung, cuore pulsante della sua ricerca più intima e sofferta e specchio del suo percorso di individuazione, è stato finalmente pubblicato.

  • Jung e l'inconscio collettivo

    Il termine di inconscio collettivo è legato a C. G. Jung che ne ha elaborato il concetto partendo dall’idea base di inconscio, fondamento della teoria psicoanalitica e del metodo di[...]

  • Gli archetipi

    Gli archetipi sono per Jung delle forme a priori che esistono nella psiche individuale come fossero una eredità genetica, una sorta di lascito che si tramanda attraverso le ere....il pulcino non ha imparato il modo con cui uscirà dall'uovo: esso lo possiede a priori.

  • Animus

    L'Animus si forma durante le crescita della donna rispecchiandosi in tutte le figure maschili che la circondano, dal padre, al fratello, ad altre figure di uomini, e facilmente si manifesta nei sogni in aspetti eroici e divini, in personaggi che raccolgono queste istanze, oppure in altri simboli minacciosi

  • Il sogno come un'opera d'arte

    "Dobbiamo trattare i sogni tenendo conto delle sfumature, dobbiamo trattarli come un’opera d’arte; non in modo logico e razionale... ma con un certo ritegno e una certa delicatezza. È l’arte creativa della natura a creare il sogno, e quindi dobbiamo essere alla sua altezza quando tentiamo di interpretarlo".

  • Anima e sentimento

    Questo significa svalutare e depotenziare l'immagine onirica, trasfomare il sacro, il numinoso, lo spaventoso, l'archetipico, in qualcosa di innocuo e di "fruibile", in una sorta di consumismo analitico ed onirico.

  • Anima

    Allora pensai.... forse il mio inconscio ha dato forma ad una personalità che non sono io e che potrebbe esprimersi con le sue proprie vedute....

  • Libido, inconscio e sogni in Jung

    La psicologia analitica junghiana si distingue dalla psicoanalisi freudiana per il netto rifiuto del pansessualismo freudiano. Jung pensava che contenuti rimossi o i simboli non fossero di natura prevalentemente sessuale, ma la manifestazione di una energia unica e presente in tutta la natura: la libido.