Questo sito contribuisce alla audience di

La Gran Vía di Madrid

La strada simbolo di Madrid, frenetica, moderna ma con tutto il fascino demodé di una vecchia stella del cinema. Da non perdere.

La Gran Vía da Callao con l'Edificio Carrión

La Gran Vía non è una semplice strada, è un simbolo. Quest’arteria lunga 1,3 chilometri taglia il centro di Madrid in due, regalandole prospettive maestose, scorci eleganti, angeli sospesi su agili cupole, situazioni frenetiche e tipicamente metropolitane.

Fu progettata alla fine dell’800 per collegare i quartieri di Salamanca a est e Argüelles a ovest e decongestionare il centro storico. Fu un’idea longimirante, ma per realizzarla il cuore di Madrid venne letteralmente sventrato e molte strade ed edifici di valore storico furono demoliti per lasciare il passo a quest’ampia avenida concepita con criteri moderni.

I lavori ebbero inizio nel 1910, in piena Belle Époque, quando Madrid era capitale elegante, mondana, raffinata. A questa epoca risalgono gli splendidi palazzi della parte più orientale della Gran Vía, come l’elegantissimo Edificio Metropolis, che le regala una degna apertura.

Negli anni ‘20 la Gran Vía continuò a farsi strada verso ovest, nel tratto pianeggiante tra le fermate della metro di Gran Vía e Callao, oggi quello più affollato di negozi. Grande protagonista fu e resta l’Edificio Telefónica, il primo grattacielo mai costruito in Europa, i cui quattro orologi illuminati di rosso dominano ancora lo skyline madrileno.

Negli anni ‘30 la strada fu prolungato fino a Plaza de España, regalando alla città quell’icona chiamata Edificio Carrión, reminiscente dell’architettura newyorkese, con la sua scritta al neon della Schweppes.

La storia spagnola ebbe poi una triste virata con la guerra civile nel ‘39 e l’inizio della dittatura franchista, di cui il tratto finale della Gran Vía conserva testimonianza in edifici più austeri, aderenti alla retorica di regime, come il neobarocco Edificio España, nell’omonima piazza.

La Gran Vía oggi conserva il fascino retrò e decadente di quella che fu, negli anni ‘50 e ‘60 (e in parte ancora è), la Broadway spagnola, con le sue decine di teatri e cinema, dove vanno in scena i musical e i cartelloni vengono ancora dipinti a mano, nonostante molti palcoscenici siano già stati sacrificati per far posto alle grandi catene di negozi.

È lei il cuore vivo della Madrid contemporanea la Gran Vía, dove c’è traffico ad ogni ora del giorno e della notte e dove tutti si danno appuntamento per fare shopping, cenare o dare inizio alle celebri, lunghe notti madrilene.

Altri articoli d’interesse:
- Madrid festeggia il centenario della Gran Vía
- La Madrid dei film di Almodóvar

La Gran Vía da Callao con l'Edificio CarriónLa Gran Vía da CallaoGran VíaGran VíaL'Edificio MetropolisL'Edificio EspañaShopping sulla Gran VíaShopping sulla Gran VíL'Edificio Carrión

Ultimi interventi

Vedi tutti