Questo sito contribuisce alla audience di

Mondiali 2006 Argentina - Germania 2 - 4 "no me lo puedo creer

Questo, nonostante sembri un paradosso, sarà forse l'ultimo intervento della guida di lingua Spagnola per il Mondiale 2006, non ne sono rimaste più di squadre composte da hispanohablantes, increible.

Strana la vita, oppure se preferite “il calcio è una metafora della vita”, e tante altre cose, ma l’Argentina che esce in questo modo da un mondiale davvero in pochi se lo sarebbero aspettato.

Ed infatti se per la Germania l’indubbio vantaggio era quello di essere la nazione ospitante, dalla parte dell’Argentina c’era il miglior gioco espresso sino ad oggi, un’esperienza e una genialità che davvero in pochi si potrebbero permettere.

La partita comincia tra i timori di due squadre intenzionate a non prenderle prima di tutto, un primo tempo davvero inguardabile, nel quale anche la peggiore partita della nostra criticatissima Italia, avrebbe fatto bella figura, due squadre potenzialmente fortissime che fanno il gioco dei bimbi spaventati.

Tevez per gli argentini e Ballack per i tedeschi sono gli spauracchi, ma nulla di nulla per i primi 45, nel secondo tempo, pronti via, al 49 volo di Ayala, bella inzuccata e rete un gran vantaggio oltrechè inaspettato, la Germania sembra subire passivamente e prima Crespo e poi Tevez non riescono a sfruttare le grandi occasioni che avrebbero segnato la fine del match.

Pekerman il selezionatore argentino ha deciso che Messi non sarebbe stato della partita, e per rimanere in difesa dell’1 a zero manda in campo Cambiasso e Cruz al posto di Riquelme e Crespo, ma non si fanno i conti senza l’oste, i tedeschi, lo sanno tutti, non si arrendono mai, sarebbero capaci di giocare alla morte sino al 200° minuto, e quindi prova e riprova, su un’azione di rimessa cross di Ballack spizzata di Borowsky per Klose ed uno a uno, tutto questo all’80° e l’arbitro fischia la fine.

I supplementari vanno via come un fulmine, ormai si è ai rigori, terribile roulette, insopportabile destino per il perdente, in Italia li conosciamo ahimè benissimo, in due parole … sbagliano Ayala e Cambiasso per gli argentini, nessun errore per i tedeschi.

Semifinale Germania - Italia, nulla da aggiungere

Da Olè

Lehmann le atajó a Ayala y a Cambiasso y Alemania se metió en semis. Fue 1-1 tras los 90 y el suplementario. El Ratón puso en ventaja a la Selección, pero Klose empató para los locales, ambos de cabeza. El árbitro eslovaco cobró todo para ellos y, encima, Abbondanzieri se lesionó y tuvo que reemplazarlo Franco. Un giorno tristísimo.