Questo sito contribuisce alla audience di

Le mongolfiere, "Veloci come il vento, leggere più dell'aria"

La Mongolfiera è un pallone che usa l’aria calda come gas di sollevamento. Deve il suo nome a quello dei suoi inventori, i francesi fratelli Montgolfier. E’ la più semplice delle macchine[...]

La Mongolfiera è un pallone che usa l’aria calda come gas di sollevamento. Deve il suo nome a quello dei suoi inventori, i francesi fratelli Montgolfier. E’ la più semplice delle macchine volanti, se si eccettua il deltaplano ed il parapendio.

L’involucro a forma di goccia rovesciata (configurazione che viene definita “Naturale” perché viene assunta spontaneamente da un gas più leggero dell’aria contenuto in un involucro non pressurizzato), è costituito da speciali tessuti sintetici antistrappo e ad alta resistenza termica e dinamica.

La mongolfiera, avendo le apparecchiature di riscaldamento a bordo, non necessita di zavorra, dato che la spinta di galleggiamento sufficiente per mantenere l’equilibrio a qualsiasi altezza può essere sempre fornita da bruciatori alimentari con gas propano, un combustibile leggero, sicuro e pulito.

L’aria che si trova all’interno dell’involucro viene riscaldata e portata a temperature comprese tra i 70° ed i 100-110°.

Già nel secolo scorso, quando i palloni costituivano una delle principali attrazioni delle grandi fiere ed esposizioni europee ed americane, qualche costruttore pensò di fabbricare palloni di forma non convenzionale, così apparvero elefanti, orsi, pesci ed altre piacevolezze e stravaganze del genere. Alcuni di questi aerostati presero il volo, altri rimasero allo stadio di progetto diventando oggetto di satira e scherno.

Le prime vere forme speciali in assoluto apparvero in Francia già nel 1785. Negli ultimi venti anni, con la rinascita dei palloni ad aria calda, le cosiddette “Special shapes” (letteralmente “Forme speciali”) ottennero sempre maggior successo, soprattutto come mezzi per la pubblicità di un prodotto o di un’azienda.

Ecco che si può quindi ammirare la “Sfinge” e la “Caravella di Colombo” appartenenti alla collezione del magnate americano ed editore Malcom Forbes, personaggi della Disney, “Arky”, un’arca di Noé che venne presentata al pubblico per la prima volta al famosissimo festival di Albuquerque nel 1994, la gigantesca copia del “Financial Times”, il treno “Orient Express”, lo “Space Shuttle” e molti altri ancora.

I palloni di forma speciale sono più difficili da costruire, da gonfiare e da manovrare rispetto alle mongolfiere normali. Le loro prestazioni sono limitate, soprattutto per motivi di sicurezza, perché rispetto ai palloni di forma regolare tendono a subire maggiormente l’effetto delle correnti e degli improvvisi colpi di vento. Per questi motivi le forme speciali non gareggiano quasi mai con i palloni di forma convenzionale, ma partecipano solo alle esibizioni o a gare specifiche riservate alla loro categoria.

Oggi nel mondo esistono oltre 300 palloni di forma non convenzionale.

mongolfieremongolfieremongolfieremongolfieremongolfieremongolfieremongolfiere